14 Alimenti Contro la Stanchezza e la Debolezza

Fare il pieno di energie introducendo nella dieta degli alimenti contro la stanchezza garantisce delle prestazioni ottimali, sia durante la routine quotidiana, sia in situazioni stressanti ed inaspettate. Quando accusiamo stanchezza o debolezza, è consuetudine fare ricorso al caffè o agli zuccheri.

Sebbene tali «rimedi» possano ricaricarci in breve tempo, a lungo andare potremmo sviluppare degli effetti collaterali. Il caffè, ad esempio, noto eccitante, provoca aritmie, pressione alta e gastrite. Gli zuccheri, invece, sono responsabili di picchi glicemici e dell’aumento della glicemia.

La soluzione più sicura è sfruttare i principi attivi e i minerali degli alimenti contro la stanchezza, che costituiscono una riserva di energia continua e, cosa da non sottovalutare, sana e priva di effetti indesiderati.

14 Alimenti Contro la Stanchezza e la Debolezza

alimenti-contro-la-stanchezza

I minerali a cui accenniamo negli alimenti contro la stanchezza sono quelli che conosciamo maggiormente proprio perché fondamentali per il nostro benessere: calcio, magnesio, potassio, ferro ecc. Vediamo insieme quali cibi sono le maggiori fonti di tali componenti e quindi cosa mangiare per contrastare la stanchezza cronica.

1. Banane

Iniziamo la nostra lista con le banane. È risaputo che le banane sono una delle migliori fonti di potassio esistenti. Questo minerale previene la stanchezza cronica e la debolezza muscolare, essendo responsabile del corretto funzionamento di muscoli e cervello. Una banana matura ne contiene circa 420 mg (a fronte dei 3 gr di dose raccomandata giornaliera), pertanto potremmo associare al consumo di banane altri alimenti ricchi di potassio come le patate. Le banane contengono poi vitamine del gruppo B e una buona dose di carboidrati per produrre una notevole quantità di energia da portare sempre con sé.

Leggi anche: 11 Alimenti Ricchi di Potassio: le Migliori Fonti Vegetali

2. Semi di zucca

Questi semi sono caratterizzati principalmente da magnesio, ne contengono infatti ben 590 mg (per 100 gr di semi). Il magnesio è uno di quei minerali di cui l’organismo non può fare a meno: insieme al potassio protegge l’apparato cardiovascolare, riduce le infiammazioni dei tessuti e combatte la debolezza psicofisica. Nei semi troviamo anche il triptofano, un aminoacido essenziale che viene spesso adoperato come rimedio naturale contro insonnia e depressione, nonché fitosteroli, che aiutano ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue.

Leggi anche: Semi di Zucca: Come Farli in Casa e Tutte le Proprietà

3. Farina di avena

La farina di avena è composta da un cereale molto energetico, l’avena appunto, e per questo rientra nella lista degli alimenti contro la stanchezza. Consumare la farina al mattino ci fornisce le energie necessarie per affrontare gli impegni quotidiani, prevenendo fatica e debolezza. La cosa importante da sottolineare è che l’avena viene assorbita gradualmente e pertanto, al contrario di altri carboidrati, non aumenta il livello di zuccheri, bensì lo mantiene costante. Il cereale funge da regolatore dell’apparato gastrointestinale e contiene magnesio per 177 mg.

Leggi anche: Farina di Avena: Rimedi Fai da Te per il Corpo, il Viso e non solo…

4. Anguria

Il frutto dell’anguria dal sapore tipicamente zuccherino, è una delle armi principali che ci consente di combattere la spossatezza tipica delle giornate umide e afose d’estate. Essa presenta un discreto contenuto di potassio (110 mg) e una seppur minore concentrazione di altri sali minerali. I suoi elementi nutritivi migliorano in generale le prestazioni del nostro organismo, anche attraverso un potenziamento delle difese immunitarie (dato anche dalla vitamina C) e un’azione antinfiammatoria naturale. L’anguria inoltre contiene una grande quantità di antiossidanti, alcuni dei quali, il licopene, sembrano essere efficaci contro determinate forme di cancro.

5. Noci

La frutta secca nel complesso rappresenta una carica di energia che possiamo davvero avere sempre a portata di mano. Tra gli alimenti contro la stanchezza, le noci possiedono un buon equilibrio fra calcio (83 mg), ferro (2,1 mg) e potassio (368 mg). Oltre a contrastare la stanchezza cronica, migliorano le prestazioni cerebrali e garantiscono il giusto nutrimento a cellule e tessuti dell’organismo grazie al ferro e alla funzione vasodilatatoria esercitata dall’aminoacido dell’arginina. Sono preziose per la salute del cuore grazie alla presenza di acidi grassi Omega 3 e 6 che svolgono anche una funzione di protezione di unghie e capelli.

Leggi anche: 15 Alimenti Ricchi di Omega 3: le Migliori Fonti Vegetali

6. Fagioli

Altra tipologia di alimenti contro la stanchezza è costituita dai legumi, in particolare dai fagioli. Che siano borlotti o cannellini, questi legumi sono una fonte insostituibile di minerali come ferro e potassio (circa 4 mg e 560 mg rispettivamente). Oltre a impedire l’insorgere di debolezza e affaticamento, i fagioli aiutano a eliminare le scorie dall’organismo e a provvedere all’ossigenazione e al nutrimento delle cellule del corpo. Contengono inoltre magnesio (175 mg), minerale che oltre a tenere lontana la stanchezza cronica, regola gli sbalzi di umore.

Leggi anche: 15 Alimenti Ricchi di Magnesio: le Migliori Fonti Vegetali

7. Peperoni

Anche i peperoni contengono modeste quantità dei sali minerali di cui abbiamo parlato finora; tuttavia, la loro caratteristica preponderante è la presenza di vitamina C (166 mg per 100 gr), che oltre a potenziare le difese immunitarie e favorire la guarigione dalle infezioni, consente di assorbire il ferro e il calcio, impedendo e contrastando l’insorgere di debolezza e dolori ossei e muscolari. È opportuno associare agli alimenti contro la stanchezza già osservati, cibi crudi o poco cotti contenenti questa vitamina, essendo la vitamina C volatile e termosensibile.

Leggi anche: 14 Alimenti con Vitamina C per Disintossicarsi e Assorbire il Ferro

8. Quinoa

Cereale senza glutine e ricco di fibre che contribuiscono alla motilità intestinale, donando anche una sensazione di sazietà, la quinoa risulta tra gli alimenti contro la stanchezza poiché particolarmente ricca di ferro e magnesio (4,6 mg e 197 mg) atti a sostenere il corpo nei periodi di stress fisico e mentale e a mantenere i livelli della pressione sanguigna ottimali. La quinoa presenta un altro minerale molto importante che è il manganese, la cui carenza provoca miastenia e forte debolezza muscolare. I flavonoidi di cui questo cereale è composto esercitano invece un potere antinfiammatorio.

Leggi anche: Ricette con Quinoa Semplici, Veloci e Leggere

9. Mandorle

Come tutta la frutta secca, anche le mandorle sono preziosi frutti dai principi nutritivi insostituibili. Note principalmente per l’azione che i loro acidi grassi svolgono a beneficio del cuore e delle arterie, ostacolando la formazione di colesterolo, le mandorle sono a tutti gli effetti degli alimenti contro la stanchezza in quanto contengono magnesio (130 mg), potassio (780 mg), ferro (31 mg) e calcio (180 mg). Tutti questi elementi contribuiscono al perfetto funzionamento dei nostri organi e fungono da serbatoio di energia pronta all’uso. Ricordiamo però che si tratta di frutti molto calorici e dei quali non bisogna abusare.

10. Barbabietola

Lessa, cruda o frullata, la barbabietola contiene sostanze nutritive fondamentali, tra queste vanno ricordati minerali, e in particolare, ferro (11 mg) e potassio (325). Sono altresì presenti, anche se in quantità minori, magnesio e calcio (quest’ultimo in particolare nelle foglia dell’alimento). La barbabietola è un toccasana per chi lamenta anemia e stanchezza cronica, ma non solo. Essa presenta infatti proprietà mineralizzanti e rinvigorenti, digestive e antiossidanti. Ricordiamo infine la vitamina k che esercita un ruolo di primaria importanza per proteggere il sistema nervoso e la struttura ossea.

Leggi anche: Succo di Barbabietola Rossa per Anemia, Stanchezza e Ipertensione

11. Spinaci

Una dieta caratterizzata da alimenti contro la stanchezza non può prescindere dal consumo di spinaci. Essi contengono potassio (530 mg), magnesio (60 mg), ferro (2,90 mg) e altri minerali e vitamine che si rivelano ottimi alleati nelle situazioni di stanchezza cronica (sia mentale che fisica). L’insieme di questi principi rende gli spinaci un alimento abbastanza completo dal punto di vista nutrizionale che ci viene in aiuto migliorando la concentrazione e le prestazioni intellettive e mantenendo il tono muscolare. Gli spinaci sono infine ricchi di antiossidanti che sostengono l’organismo in caso di calo delle difese immunitarie e nei casi di debolezza.

12. Semi di chia

Noti soprattutto per la loro funzione benefica sull’intestino, dal momento che le fibre riescono ad assorbire ingenti quantità di acqua e favorire l’espulsione delle scorie, i semi di chia sono degli ottimi alimenti contro la stanchezza poiché racchiudono potassio, calcio, ferro e magnesio in abbondanti quantità (rispettivamente, 407, 631, 7 e 335 mg). Sono quindi un alimento energetico e ricco di tutti gli aminoacidi essenziali, indispensabili per lo sviluppo di ossa, muscoli e funzioni metaboliche. Difficile trovare semi migliori che possiedono tutte queste qualità!

Leggi anche: Come Mangiare i Semi di Chia: Tante Idee Originali

13. Patate

Lo abbiamo accennato in precedenza: le patate sono considerate alimenti contro la stanchezza grazie al loro apporto di potassio, che arriva fino a 660 mg per 100 gr. Il potassio regola l’attività muscolare, compreso il cuore, evitandone l’affaticamento. L’elemento che insieme al minerale contraddistingue questo alimento sono i carboidrati complessi, anch’essi fonte di energia, che vengono assorbiti gradualmente dall’organismo, evitando l’aumento della glicemia. Per beneficiare al meglio dei principi nutritivi della patata, consigliamo di cuocerla al forno o in acqua bollente con tutta la buccia.

Leggi anche: Patate Dolci (Americane): Proprietà e Usi in Cucina

14. Tè verde

Tra gli alimenti contro la stanchezza troviamo anche il tè verde. Pur essendocene infinite varietà, complessivamente il tè verde possiede grandi percentuali di antiossidanti, rappresentati dalla vitamina C e dai flavonoidi in esso contenuti, e minerali, fra cui ferro e potassio (ben 15 mg e 2160 mg per 100 g di foglie) che lo rendono ideale per chi soffre di anemie lievi, per proteggere la funzionalità del cuore e migliorare le prestazioni intellettive. L’azione stimolante e tonificante del tè verde è quindi perfetta contro la stanchezza cronica.

Leggi anche: 11 Tipi di The Verde più Diffusi e Apprezzati al Mondo


loading...
loading...