Amaro Svedese: Trattamenti e Benefici delle Erbe Svedesi

L’amaro svedese è una bevanda che si ottiene miscelando diverse erbe medicinali capaci di curare fastidi legati ad una cattiva digestione e a disturbi respiratori. Si ipotizza che questo composto fu inventato da Paracelso, un alchimista rinascimentale; la bevanda è nota con questo nome in quanto venne riscoperta nell’ottocento da alcuni medici svedesi.

L’opera di Maria Treben, un’erborista vissuta nel secolo scorso, ha contribuito a diffondere fino ai giorni nostri le conoscenze acquisite sull’amaro svedese: benefici e vantaggi della bevanda, infatti, sono descritti nel libro dell’erborista.

Benefici dell’Amaro Svedese

amaro-svedese

L’amaro svedese, come accennato , si usa principalmente per i disturbi gastro-intestinali o respiratori, il suo utilizzo è consigliato nel primo caso per disturbi come stitichezza, meteorismo, colite, digestione lenta e dolori intestinali; nel secondo caso per curare raffreddori, mal di gola, tosse, catarro e influenza.

Il suo uso può essere sia interno che esterno; nel primo caso per curare le patologie a cui abbiamo appena fatto accenno e nel secondo caso per curare ematomi, scottature o eritemi.

Gli 11 ingredienti che costituiscono l’amaro svedese rielaborato da Maria Treben rendono questa bevanda una vera e propria cura per alcuni disturbi. La bevanda infatti è composta solo da erbe medicinali che sono: Aloe, Canfora Cinese, radice di Rabarbaro, Zafferano, Mirra, Curcuma, Foglie di Cassia, radice di Carlina, Teriaca Veneziana (composto di più erbe), Manna e radice di Angelica.

In commercio si possono trovare diverse composizioni di amaro svedese; alcune preparazioni seguono la ricetta elaborata dall’erborista Treben, altre invece prevedono l’aggiunta di qualche erba diversa. In ogni caso si tratta di composti del tutto naturali ed efficaci.

Rimedi a Base di Amaro Svedese

Ecco, di seguito, per quali disturbi o fastidi l’azione dell’amaro svedese si rivela utile sia per uso interno che esterno.

Usi Interni dell’Amaro Svedese

Le erbe svedesi sono principalmente utilizzate come rimedio interno per curare i problemi di cattiva digestione e disturbi della circolazione e delle vie respiratorie. Ecco alcuni possibili usi che si sono dimostrati molto efficaci.

1. Problemi digestivi

Le proprietà dell’amaro svedese stimolano la digestione ed eliminano l’acidità di stomaco. In questi casi basta assumere all’occorrenza un cucchiaino di amaro disciolto in acqua o in una tisana. Il sapore particolarmente amaro infatti non lo rende molto gradevole al gusto, dunque si consiglia di diluirlo opportunamente in acqua o succo di frutta.

Leggi anche: Tisana alla Menta Piperita per Digerire Bene

2. Gonfiori addominali

Le erbe svedesi sono un valido aiuto per alleviare i gonfiori addominali dopo i pasti, soprattutto quando si è mangiato abbondantemente. Nel caso di gas intestinali si può fare una vera e propria cura di 15 giorni, assumendo ogni giorno per 2-3 volte, un cucchiaino di amaro disciolto in mezzo bicchiere di acqua.

Per un rimedio rapido, preparare una tisana a base di semi di finocchio e anice nella quale sciogliere 30-40 gocce svedesi.

3. Stitichezza e Intestino pigro

Chi soffre di stipsi può bere al mattino un cucchiaino di gocce svedesi disciolte in acqua tiepida, prima di fare colazione. Questo trattamento può essere ripetuto per qualche giorno in modo da ripristinare la naturale funzione dell’intestino.

4. Coliche

In caso di coliche basta assumere 3 cucchiai di amaro svedese (puro o diluito) quando il dolore si fa più acuto. Deglutire lentamente e attendere circa 30 minuti tra un’assunzione e l’altra. Per alleviare maggiormente il dolore delle coliche renali si può fare contemporaneamente un impacco imbevendo dell’ovatta con un po’ di erbe svedesi e poggiarla sulla zona in corrispondenza del rene.

5. Colite

Chi soffre di colite può preparare un impacco a base di amaro svedese da applicare sulla zona interessata. Questa cura può essere associata all’assunzione delle erbe anche per via interna. E’ sufficiente diluire un cucchiaio di amaro in mezzo bicchiere di acqua e bere tre volte al giorno.

Usi esterni dell’Amaro Svedese

Le gocce svedesi hanno un potere curativo anche se utilizzate esternamente. In questo caso sono un valido aiuto nei problemi di acne, arrossamenti, mal di testa ed infiammazioni. Qui di seguito elenchiamo gli usi più comuni e validi dell’amaro svedese.

1. Disturbi alle vie respiratorie

Per curare i sintomi del raffreddore può essere utile assumere un cucchiaino di amaro svedese disciolto in acqua tre volte al giorno e prima dei pasti. I suffumigi con l’amaro, invece, aiutano a curare la tosse e la congestione nasale.

Basta versare 20 gocce in un pentolino con l’acqua, portare ad ebollizione e respirare i vapori per 10 minuti. Per non disperdere nell’aria gli effetti benefici è bene tenere un asciugamano sulla testa.

2. Mal di denti

Per chi ha spesso mal di denti è consigliato, oltre ai classici rimedi a base di aglio e qualche chiodo di garofano da tenere sulla parte dolorante, anche gli sciacqui di amaro svedese. In questo caso basta sciogliere qualche goccia in un bicchiere di acqua per ridurre il dolore ai denti e alle gengive. Il procedimento può essere effettuato anche più volte al giorno, basta non ingoiare la soluzione.

Leggi anche: Oil Pulling: una Pratica Quotidiana per Disintossicare il Corpo

3. Mal di gola

L’amaro svedese è un buon rimedio per alleviare il mal di gola. Quando la gola è infiammata è consigliato fare dei gargarismi con questa bevanda sciogliendone due cucchiai in un bicchiere di acqua. Ripetere il trattamento 2-3 volte al giorno fino a quando l’irritazione non si calma.

Leggi anche: Come Fare in Casa le Caramelle per il Mal di Gola e la Tosse

4. Mal di testa e vertigini

L’amaro svedese sembra essere un ottimo antidolorifico naturale anche in caso di mal di testa: basta applicare sulla fronte (o sulla nuca) un panno imbevuto di acqua fredda ed erbe svedesi, e lasciare agire per un quarto d’ora.

In caso di vertigini invece si può applicare qualche goccia sulla prima vertebra cervicale e lasciare agire fino a quando non si placa il dolore.

5. Punture d’insetto:

Nel caso di punture di zanzare, l’amaro svedese è un ottimo rimedio naturale per alleviare il prurito ma anche il rossore. In questo caso basta mettere qualche goccia su un batuffolo di ovatta o un dischetto per struccarsi e applicarlo sulla puntura. Lasciare agire massaggiando delicatamente.

Leggi anche: 12 Rimedi Naturali Contro le Punture di Zanzare

6. Tagli e graffi

Nel caso in cui si è stati graffiati da un gatto si possono applicare un paio di gocce sulla ferita con un cottonfiocc. Lo stesso trattamento è efficace anche in caso di tagli e lacerazioni. Non risciacquare ma lasciare che le gocce si asciughino del tutto.

7. Brufoli, acne e arrossamenti

L’amaro svedese si dimostra un valido aiuto per chi soffre di acne e ha la pelle grassa. Questo preparato può essere usato come un vero e proprio tonico da applicare sul viso in caso di acne oppure da massaggiare solo sulla zona colpita.

Si consiglia di effettuare questo trattamento di sera, prima di andare a dormire, visto che l’odore pungente può dare fastidio durante la giornata.

8. Calli

Per il trattamento dei calli si può applicare dell’ovatta imbevuta di erbe svedesi direttamente sulla zona interessata. Eseguire la cura per 2-3 giorni, ripetendo l’applicazione più volte al giorno. In questo modo dopo un paio di giorni sarà più facile rimuoverli anche se in alcuni casi cominceranno a staccarsi da soli.

9. Otite

In caso di infiammazione all’orecchio si possono usare delle gocce di amaro svedese da inserire nel condotto uditivo tramite un contagocce. Per aumentarne l’efficacia si può aggiungere anche un po’ di olio di iperico. Tamponare con dell’ovatta e lasciarla nell’orecchio fino all’assorbimento delle gocce.

Avvertenze e Controindicazioni dell’Amaro Svedese

Gli ingredienti principali dell’amaro svedese, le erbe, non dovrebbero apportare effetti collaterali, a meno che non si soffra di allergia per una particolare erba presente nella bevanda. L’uso è sconsigliato a chi soffre di disturbi gastro-esofageo.

Inoltre, vista la base alcoolica, la bevanda non deve essere somministrata ai bambini per uso orale. Naturalmente il composto non va applicato sulle zone intime o su irritazioni estese.

È giusto aggiungere, infine, che nonostante le testimonianze che affermano e comprovano gli effetti benefici dell’amaro svedese mancano ancora prove scientifiche significative che li confermino.

È bene sottolineare però che -a parte le controindicazioni elencate in precedenza- la bevanda è composta da ingredienti naturali, per nulla dannosi alla nostra salute. Fare un tentativo, dunque, non potrebbe che apportare benefici.

Dove si Compra l’Amaro Svedese

L’amaro svedese ha un prezzo abbastanza accessibile a tutti; si può aquistare online già pronto da usare oppure si può realizzare in casa acquistando le erbe che lo compongono. In quest’ultimo caso bisogna mettere le erbe svedesi in un litro e mezzo di acquavite per 2 settimane avendo cura di lasciare macerare al sole (o in un luogo caldo).

Smuovere e agitare il composto più volte al giorno. Una volta pronto basta filtrare il tutto e dolcificarlo a piacere prima di utilizzarlo.

Sono un Counselor appassionato di salute e alimentazione sana. Con il mio lavoro aiuto le persone a superare i problemi della quotidianità e ritrovare il benessere psicofisico attraverso abitudini più salutari. Lavoro come freelance e collaboro con numerosi blog e riviste dando, attraverso i miei articoli, suggerimenti per migliorarsi non solo a livello fisico ma anche nelle relazioni e nel lavoro. Per contattarmi scrivi a i.a.palmaccio.counselor@gmail.com. Puoi leggere i miei articoli di self-help su: