Argento Colloidale: il più Potente Antibiotico Naturale

In questo articolo parliamo dell’argento colloidale e di tutte le sue proprietà. Inoltre vedremo anche perché è considerato l’antibiotico naturale per eccellenza.

Se vi siete mai chiesti da dove derivi l’espressione “avere il sangue blu” la risposta è presto data. Fin dai tempi di Greci e Romani le persone appartenenti ad alti ranghi sociali ed a ceti di nobile lignaggio erano soliti mangiare e bere da recipienti in argento e tracce minute di questo metallo venivano ingerite assieme al cibo ed alle bevande e la sua assunzione, per quanto minima, conferiva al sangue un colorito bluastro.

Ma non è l’unica cosa che si era notata. Molto presto si capì che questo era anche il motivo per cui queste fortunate persone erano praticamente immuni da determinate patologie e si ammalavano di rado. Studi effettuati col passare del tempo portarono alla scoperta che le particelle di argento ionizzate non si scioglievano se messe a contatto con dei  solventi.

Proprietà dell’Argento Colloidale

argento-colloidale

Questa caratteristica, ovvero il fatto che gli ioni d’argento non siano solubili ma restino sospesi, conferisce all’argento l’aggettivo di colloidale. L’argento colloidale veniva usato come antibiotico naturale ma con l’avvento, dopo gli anni 30, degli antibiotici chimici il suo uso era stato accantonato. In tempi più recenti si è tornati a considerarlo come alternativa decisamente più salutare agli intrugli farmaceutici.

Sappiamo infatti che l’uso di antibiotici chimici spesso porta alla proliferazione di microorganismi resistenti che, con l’andare del tempo, non rispondono più alle terapie indebolendo le difese immunitarie ed esponendo l’organismo a patologie anche gravi.

Inoltre gli antibiotici sono tra i peggiori nemici della flora batterica che viene gravemente impoverita e questo è il motivo per cui i medici consigliano sempre l’uso di fermenti lattici associati all’assunzione di questo tipo di medicinali.

L’argento colloidale, al contrario, se preso quotidianamente, rinforza il sistema immunitario. La ricerca medica ha constatato che batteri, virus e funghi non sopravvivono in presenza di argento e, mentre un antibiotico chimico arriva a distruggere al massimo una dozzina di questi agenti patogeni, l’argento colloidale arriva ad eliminarne un numero molto vicino ai 650.

Perfino i ceppi che sono diventati resistenti a causa dell’uso di antibiotici non riescono a proliferare in presenza di argento ed è quindi ovvio che l’uso dell’argento colloidale  apporta davvero enormi vantaggi e la sua azione battericida e fungicida non richiede che pochi minuti.

Effetti Collaterali dell’Argento Colloidale

Un’altra sua caratteristica è che l’argento colloidale non ha effetti collaterali anche se si consiglia il monitoraggio da parte di un medico per le donne in gravidanza ed un controllo preventivo da parte di persone che soffrano di allergie ai metalli, anche se non conclamate per l’argento in particolare.

Per il resto può essere usato sia dagli adulti che dai bambini, anche come prevenzione di patologie respiratorie nella stagione più fredda, ed ha grande successo clinico anche nella medicina veterinaria e nelle terapie per i nostri amici animali.

Pensate che non è irritante nemmeno se viene a contatto con mucose particolarmente delicate, come la congiuntiva, e, anzi, può essere collocato su ferite aperte senza provocare irritazioni. Inoltre, udite un po’, può essere utilizzato anche per guarire le piante dalle infezioni che le colpiscono.

Posologia e Trattamenti a Base di Argento Colloidale

Tuttavia è utile ricordare che, nell’avvicinarsi a questo come ad altri prodotti antibatterici, la posologia va controllata accuratamente e che è consigliabile cominciare con poche gocce al giorno ed aumentarne la dose gradualmente. Questo per non incorrere nella reazione di Jarisch-Herxheimer che si verifica quando l’organismo si trova ad eliminare, contemporaneamente ed in seguito a terapia antibiotica, le tante tossine che sono generate dalla morte dei batteri.

Nei casi in cui questa reazione si manifestasse si presenterebbero cefalea, febbre e mialgia ma tutti questi sintomi andrebbero comunque regredendo nel giro di una giornata. Detto questo l’ assunzione dell’argento colloidale non è particolarmente sgradevole dal momento che è insapore ed inodore e potrebbe lasciare, al massimo, un leggero retrogusto metallico ma questo dipende anche dalla concentrazione del prodotto che andiamo ad acquistare.

Dove Acquistare l’Argento Colloidale

Ed a questo proposito, ovvero l’acquisto, l’unico disagio che possiamo incontrare è che l’argento colloidale può risultare non facilmente reperibile in farmacia o nelle erboristerie (si trova ma solo nelle più fornite) ma il problema può essere ovviato grazie alla possibilità di acquistarlo online ed il prezzo è molto più accessibile di quanto fosse nei tempi passati (un flacone da 100 ml. costa tra i 18 ed i 25 euro).

Volendo essere particolarmente intraprendenti si può acquistare, con un unico investimento che si aggira intorno ai 100 euro, l’apparecchiatura che consente di produrlo in casa attraverso un processo di elettrolisi.

Per finire, possiamo dunque dire, mai come in questo caso è sembrato più appropriato, che l’argento colloidale è un aiuto davvero prezioso che ha davvero tantissime applicazioni. Per saperne di più leggi l’articolo che spiega tutti gli usi dell’argento colloidale.

Per ulteriori approfondimenti leggi “Il grande libro dell’argento colloidale“, al suo interno tutte le proprietà terapeutiche per il nostro sistema immunitario e non solo.