Bromelina: Proprietà, Usi e Controindicazioni del Gambo di Ananas

La bromelina è un enzima proteolitico contenuto in minor concentrazione nella polpa ed in maggiore concentrazione nel gambo dell’ananas. Prende il nome dal termine bromeliaceae , ovvero la famiglia botanica di appartenenza del frutto. Questa sostanza, grazie alle sue proprietà è in grado di degradare le proteine in composti più semplici, gli aminoacidi e di svolgere un’azione antinfiammatoria, antiedemigena e sicuramente digestiva. Per queste sue capacità la bromelina è entrata a far parte, ad oggi, della categoria di integratori più utilizzati in campo sia clinico che preventivo.

Durante le lavorazioni dell’ananas che porteranno all’estrazione del composto, gli operai sono costretti ad indossare i guanti protettivi in quanto il costante contatto con il succo del frutto porterebbe a delle serie abrasioni ai polpastrelli così profonde da cancellare le impronte digitali.
Diversi studi e trials clinici affermano che gli integratori di bromelina sono molto utili in ambito sportivo in quanto, espletando azione antinfiammatoria ed antiedemigena, velocizzano i tempi di guarigione e ripresa da traumi vari .

Come detto in precedenza la bromelina viene estratta soprattutto dal gambo di ananas, una pianta di origine tropicale, il cui frutto ha un sapore particolarmente riconoscibile, molto fresco e leggermente acidulo. Fu portato in auge subito dopo la scoperta dell’America dagli europei, in particolare da inglesi e spagnoli, che ne permisero la diffusione in patria. Ad oggi il maggior produttore è il Brasile da cui viene esportata la qualità di ananas più diffusa, l’ananas comosus.

Bormelina: Proprietà e Benefici

bromelina-proprieta

La bromelina possiede delle proprietà terapeutiche applicabili in diversi campi, dal trattamento della cellulite a quello di vene varicose e tromboflebiti, ma come vedremo è utile anche in caso di spasmi (dovuti ad esempio al ciclo mestruale), artrite reumatoide ed infezioni. Vediamo nel dettaglio quali sono le sue proprietà.

Crampi addominali e dispepsia

Fin dal 1600 i nativi americani apprezzavano le proprietà curative dell’ananas, in particolar modo il potere di far cessare i crampi addominali a causa di problemi digestivi. Anche ai giorni nostri gli integratori a base di fitocomplessi vegetali contenenti bromelina sono usati in caso di dispepsia.

Cellulite e ritenzione idrica

Questo enzima proteolitico contenuto del gambo di ananas possiede anche proprietà drenanti, utili in caso di cellulite, ritenzione idrica e pelle a buccia d’arancia. Spesso la bromelina si trova in associazione con piante dalle capacità diuretiche e venotoniche, in grado di eliminare i liquidi in eccesso ed eliminare il gonfiore degli arti inferiori.

Vene varicose, varici, tromboflebiti

La bromelina svolge un’azione plasminogeno-simile a livello venoso, ovvero evita la formazione di fibrina che crea ispessimento ed indurimento dei tessuti circostanti, evitando così la comparsa delle vene varicose o varici. La bromelina inoltre è utile nel trattamento delle tromboflebiti, esercitando azione antinfiammatoria sulle pareti venose escludendo la formazione di trombi.

Infiammazioni ed emorragie

La bromelina inoltre trova impiego nel contrastare le infiammazioni dei tessuti molli, edemi ed ecchimosi favorendo il riassorbimento dello stato emorragico. Nel 1960 fu condotto uno studio su 50 pugili, il quale rivelò che l’assunzione di bromelina accelerava di parecchio i tempi di remissione dei traumi. A differenza di altri antinfiammatori, la bromelina non provoca alcun danno a livello gastrointestinale in quanto blocca la produzione delle prostaglandine ad attività pro-infiammatoria ed aumenta , al contrario, la produzione di quelle ad attività anti-infiammatoria. La conseguenza di ciò, è la possibilità di creare una sinergia tra i fans (antinfiammatori di sintesi) e questo enzima, potenziandone solo gli effetti benefici .

Artrite reumatoide e interventi chirurgici

La bromelina trova impiego anche nel trattamento dell’artrite reumatoide e dell’osteoartrite diminuendo la necessita di assunzione dei corticosteroidi. Uno studio riporta che nei pazienti a cui fu somministrata la bromelina, si ebbe un’importante riduzione dell’edema articolare ed un miglioramento nella motilità. L’assunzione di integratori di bromelina viene consigliata subito dopo aver subito un intervento, specialmente quando si tratta di operazioni alla cavità orale, all’apparato urogenitale o in caso di rinoplastica, poichè si ha una riduzione del tempo di guarigione dovuto ad una velocità maggiore nell’assorbimento dell’edema.

Catarro e muco

Questa sostanza risulta avere anche capacità mucolitica, antiasmatica e decongestionante delle vie respiratorie.

Cancro e chemioterapia

Secondo alcuni studi la bromelina sarebbe in grado di ledere la parete delle cellule tumorali, permettendo così l’intervento del sistema immunitario. Di base questa sostanza è in grado di amplificare gli effetti della chemioterapia.

Infezioni

Essa risulta efficace nel curare le infezioni da stafilococco, in special modo polmoniti, infezioni cutanee, ascessi perirettali e pielonefriti.

Dismenorrea e spasmi

La bromelina riesce a contrastare gli spasmi durante le contrazioni della cervice, quindi risulta utile nel trattamento, in associazione alla papaina, della dismenorrea, ovvero le mestruazioni dolorose.

Ferite e ustioni

Nel trattamento topico la bromelina svolge azione curativa su ustioni e ferite bloccando la comparsa di tessuto necrotico.

Recenti studi hanno provato che l’applicazione di quest’ultima è fruttuosa anche in pazienti in età pediatrica, per contrastare la pitiriasi lichenoide cronica. Si tratta di una forma di dermatite nella quale si ha la comparsa di una papula rossastra e dura che cresce in larghezza fino ad appiattirsi e con il passare del tempo diventa sempre più scura fino alla desquamazione della parte superiore. Al giorno d’oggi la bromelina è oggetto di studio per la sua presunta proprietà cardioprotettiva e nelle sue applicazioni nel trattamento delle sindromi autistiche.

Integratori di Bromelina: Usi e Dove Trovarli

La bromelina si trova in commercio sotto forma di capsule e compresse,sciroppi e tisane, singola o in associazione con agenti antiossidanti. Può essere acquistata nelle farmacie o parafarmacie ma anche in erboristeria oppure online sui tanti siti specializzati nella vendita di integratori. Non è raro trovarla insieme al magnesio in quanto attivatore della sua proprietà digestiva. Per uso topico la bromelina è disponibile in pomate e creme. Si consiglia di non superare la dose di 250-2000 mg al giorno, divisibili in 2-3 assunzioni giornaliere. Se si vuole accentuare l’effetto antinfiammatorio è bene assumerla a stomaco vuoto, se invece si predilige l’effetto digestivo è consigliabile prenderla dopo i pasti.

Bromelina: Controindicazioni ed Effetti Collaterali

È sconsigliata l’assunzione di bromelina in caso di gravidanza ed allattamento, allergia già nota all’ananas, ulcera gastrica e durante l’uso di anticoagulanti ed antitrombotici, se non dietro prescrizione medica. Per quanto riguarda gli effetti collaterali, può provocare problemi gastrointestinali, come diarrea, crampi, vomito e nausea.

Nata a Ragusa, laureata presso l’Università degli Studi di Catania, erborista, esperta in nutrizione, biocosmetica e rimedi naturali. Puoi seguire i miei aggiornamenti sulla mia pagina Facebook Erboristeria Collezione Natura Ragusa della Dott.ssa Anna Firrincieli o per contatti scrivimi a: ragusa@collezionenatura.it