Come Sostituire il Lievito nei Dolci: 5 Alternative Naturali

Avete terminato il lievito che avevate in casa? Niente paura! Oggi vi illustreremo come sostituire il lievito nei dolci con pochissimi ingredienti che vi permetteranno di ottenere ottimi risultati in cucina. Le comuni bustine di lievito che acquistiamo al supermercato contengono polveri lievitanti (e non lieviti) che possono essere causa di intolleranze e reazioni allergiche. Spesso scoraggiati dalla mancanza di alternative a tale ingrediente, tendiamo a rinunciare a prodotti da forno e dolci.

In realtà sostituire il lievito nei dolci è davvero un’operazione facile che vi permetterà di continuare a gustare le vostre ricette preferite. A differenza del lievito naturale per dolci che ci accingiamo a preparare, molte marche di lievito chimico usano degli stabilizzanti di origine suina o bovina non adatti a chi segue un’alimentazione vegetariana e vegana.

Le diverse preparazioni di lievito che vi proponiamo in questo articolo non prevedono elementi di origine animale, pertanto parliamo di un lievito per dolci completamente naturale, leggero e ideale anche per chi accusa gonfiore di stomaco dopo avere consumato prodotti lievitati.

Come Sostituire il Lievito nei Dolci

come-sostituire-il-lievito-nei-dolci

Prima di passare alle ricette e vedere come sostituire il lievito nei dolci è opportuno ricordare che il nostro lievito agisce esattamente come quello chimico. La lievitazione comporta la formazione di anidride carbonica scatenata dal contatto di una sostanza acida con una basica che si attivano con il calore o con i liquidi.

Il nostro lievito naturale per dolci ricrea esattamente questa stessa reazione ma grazie ad ingredienti del tutto naturali. Le ricette che abbiamo raccolto presentano dosi da adoperare per 500 g di farina, per le quali si usa abitualmente una bustina di lievito chimico.

Passiamo a questo punto alle preparazioni.

1. Aceto di mele e bicarbonato

L’elemento protagonista di tutte le nostre ricette è il bicarbonato. Questo ingrediente viene da sempre adottato nelle ricette di dolci e rappresenta la sostanza basica coinvolta nel processo di lievitazione. Per preparare il lievito naturale per dolci occorrono 80 ml di aceto di mele e 10 g di bicarbonato.

Consigliamo di aggiungere l’aceto agli altri ingredienti liquidi delle vostre ricette e mescolare invece il bicarbonato con la farina, unendo questi ultimi alle sostanze liquide soltanto alla fine. La produzione di anidride carbonica avviene in questo caso nel momento in cui il bicarbonato entra in contatto con i liquidi, dando inizio alla lievitazione.

Leggi anche: Aceto di Mele: Ecco Perché Devi Averlo Sempre in Casa

2. Yogurt e bicarbonato

Altro tipo di lievito naturale per dolci è quello ottenuto adoperando 10 g di bicarbonato e un vasetto di yogurt (va benissimo anche quello vegetale) da 125 g. Anche per questa preparazione valgono le indicazioni date in precedenza, vale a dire l’aggiunta di farina e bicarbonato agli ingredienti liquidi che, in questo caso, conterranno quindi anche 125 g di yogurt.

Naturalmente, a seconda del tipo di dolce che avete intenzione di preparare, potete optare per uno yogurt bianco, che conferirà al vostro dolce un sapore più neutro, oppure uno yogurt alla frutta se volete che la ricetta abbia un aroma dolce e fruttato. Lo yogurt rappresenta la sostanza acida che entrando in contatto con il bicarbonato consentirà all’impasto di lievitare. Ricordiamo inoltre che gli impasti che contengono yogurt risultano estremamente morbidi e umidi al punto giusto.

3. Succo di limone e bicarbonato

Come sostituire il lievito nei dolci se non abbiamo dell’aceto di mele? Semplicemente con un ingrediente che tutti noi adoperiamo in casa: il limone. Queste le dosi: 10 g di bicarbonato e 70 ml di succo di limone (equivalente a circa due limoni). Anche per questa preparazione bisognerà mescolare il bicarbonato con la farina e aggiungere il succo di limone agli ingredienti liquidi.

Il succo di limone è altamente acido e pertanto in questa specifica preparazione è più che mai consigliato aggiungere la farina e il bicarbonato alla fine, per evitare che il processo di lievitazione inizi troppo presto (il che potrebbe compromettere il risultato stesso della ricetta). Inutile dire che i vostri dolci avranno un piacevole e fresco aroma di limone che donerà più gusto alle ricette.

4. Cremor tartaro e bicarbonato

A differenza delle ricette precedenti, per la preparazione di questo lievito adopereremo soltanto ingredienti secchi: 50 g di cremor tartaro, 35 g di bicarbonato di sodio e 15 g di amido di mais (oppure fecola). Con queste dosi potete ricavare 100 g di lievito naturale per dolci che potrete conservare in un contenitore a chiusura ermetica. Per le preparazioni che prevedono 500 g di farina, basteranno 25 g di questa polvere lievitante.

Il cremor tartaro è un agente lievitante naturale (che non contiene quindi stabilizzanti di origine animale) particolarmente adatto per le ricette di dolci in quanto conferisce all’impasto morbidezza e leggerezza; è inoltre inodore e non presenta alcun sapore particolare. Ideale anche per  presenta un’intolleranza al lievito. L’amido o la fecola vengono anch’essi adoperati abitualmente in cucina dando, in particolare ai dolci, una consistenza piacevolmente soffice.

Dal momento che si tratta di un lievito interamente in polvere, dovrà essere mescolato insieme alla farina e aggiunto solo alla fine all’impasto, in modo da provocare la produzione di anidride carbonica responsabile della lievitazione.

5. Acido citrico e bicarbonato

Concludiamo i nostri consigli su come sostituire il lievito nei dolci con un’ultima ricetta di lievito in polvere. Questa volta avremo bisogno di: 35 g di bicarbonato, 35 di amido di mais (o fecola) e 30 g di acido citrico. Le dosi ci permettono di preparare 100 g di lievito, ne basteranno 25 g per 500 g di farina.

L’acido citrico, che potete trovare in genere nei negozi di enologia o in farmacia, costituisce la componente basica che agisce durante la lievitazione. Come il cremor tartaro della ricetta precedente, anche l’acido citrico è inoltre inodore e insapore e andrà aggiunto alle altre polveri della ricetta, mescolato con la farina e infine versato poco a poco negli ingredienti liquidi. Otterrete così un dolce lievitato e molto leggero.