5 Gustosi Paté Vegan da Fare in Casa

In commercio si trovano creme spalmabili di tutte le marche e di tutti i sapori, specialmente nei banchi frigo ma spesso contengono stabilizzanti, coloranti e conservanti. In questa sede invece vogliamo parlare di qualcosa che è completamente naturale e che ci dà la soddisfazione di preparare qualcosa di sano e gustoso in perfetta autonomia.

Le creme spalmabili che andiamo a presentare sono infatti di semplice esecuzione, non richiedono troppo tempo né troppi ingredienti, sono economiche ma soprattutto più sane rispetto a quelle che si possono acquistare.

5 Creme Spalmabili Gustose e Veloci

Bene! Mettiamoci dunque all’opera ricordando che queste creme spalmabili sono adatte a tutta la famiglia, dai più piccini ai più “datati” essendo composti di ingredienti sani e naturali. I paté sono spesso delle coccole che ci concediamo, magari con qualche senso di colpa, proprio perché, acquistandoli, non siamo mai ben certi di cosa ci sia veramente nella composizione.

Facendole da noi siamo certi al 100% degli ingredienti che usiamo ed il nostro senso di colpa scomparirà e non solo perché staremo gustando qualcosa di genuino ma anche cruelty free e quindi senza sofferenza animale di alcun genere. Infine hanno anche il non trascurabile vantaggio di non contenere glutine e di essere di conseguenza adatti anche ai celiaci.

Vediamo dunque velocemente la preparazione di alcuni di questi paté vegan.

Paté di Olive

pate-olive-nere-vegan

La procedura più semplice è quella di prendere delle olive verdi o nere o miste (snocciolate – circa 260 g.), un po’ d’olio e.v.o. (circa 40 g.), uno spicchietto d’aglio, un pizzico di sale (come il sale rosa) e, se lo gradite, un bel pizzico di peperoncino o origano. La procedura per realizzare questo patè di olive vegan è semplicemente quella di far asciugare un pochino le olive in forno affinché non rilascino troppa acqua e poi frullare tutti gli ingredienti assieme in un mixer. Il composto ottenuto può essere messo in un vasetto a chiusura ermetica, ricoperto di olio, e si conserverà a lungo nel frigorifero.

Patè di Peperoni

Pprendere dei peperoni belli sodi e colorati (circa 800 g) e grigliarli interi sulla bistecchiera. Lasciare che si arrostiscano rigirandoli man mano su tutti i lati e sopra e sotto. Il passo successivo è di metterli, appena tolti dalla bistecchiera, in un sacchetto di plastica che va chiuso per lasciare che il vapore si sprigioni per qualche minuto. A questo punto, dal ogni peperone intero, toglieremo la pelle con facilità in modo che il patè di peperoni vegan risulterà più digeribile. Ottenuto ciò andremo a mettere nel mixer con due cucchiai di olio di oliva extravergine, un pizzico di sale (mai troppo per non rovinare il gusto naturale dell’ingrediente principale) e, dopo una bella frullata, avremo la nostra crema pronta. A piacimento si può aggiungere una patata media lessata per rendere la salsa ai peperoni un po’ più salda. In aggiunta si può anche guarnire con del prezzemolo fresco o del coriandolo.

Patè di Cipolle

La preparazione del patè di cipolle vegan può essere attuata sia con cipolle dello stesso tipo ma anche con cipolle di tipi diversi (bianca, rossa, tropea etc.). Ancora una volta la procedura è molto semplice. Prendere le cipolle, tagliarle a fettine sottili e metterle ad appassire in padella con due noci di burro di soia o, volendo stare più leggeri, in poca acqua con un filo d’olio e.v.o. Quando saranno trasparenti si aggiungono un paio di cucchiai di farina di riso che andrà stemperata con un po’ di latte di soia tiepido (mai freddo per evitare che si formino dei grumi). Aggiungere un pizzico di sale e frullare il tutto con un pochino, a piacimento, di aceto balsamico. È ottima servita con una macinata di pepe fresco.

Patè di Funghi

pate-di-funghi

Far rinvenire una confezione di funghi secchi in una ciotola con latte di soia ed un po’ d’acqua. Strizzarli bene e cuocerli in padella antiaderente con un po’ d’aglio ed aggiungere sale e pepe a piacere. Una volta cotti passarli al frullatore (volendo con aggiunta di erbe fresche evitando che coprano il gusto dei funghi). Questo procedimento, ovviamente senza l’ammollo, è lo stesso per i funghi freschi o surgelati. In tutti i casi è bene che i funghi siano ben strizzati dalla loro acqua naturale prima di passarli al robot da cucina.

Paté di Melanzane

Per circa 800 grammi di melanzane la procedura è la seguente. Tagliare le melanzane a cubetti e metterle in una pirofila ad appassire in forno con pochissimo olio per circa 25 minuti e mescolandole a metà cottura. Una volta stufate ed ammorbidite si frulleranno con l’aggiunta di un pezzetto d’aglio (o un intero spicchio se non troppo grande) ed un pizzico di sale. Per rendere il patè di melanzane vegan più mediterraneo si potranno aggiungere erbe fresche come menta, timo o salvia e rosmarino.

Consigli utili

Volendo rendere questi paté delle vere e proprie creme spalmabili, quindi un po’ più compatte e meno rustiche, si può aggiungere nel mixer del tofu ben sgocciolato e sbriciolato o, invece di usare il robot da cucina, frullare il paté ottenuto con del tofu vellutato (che si trova già pronto nei negozi biologici) con il frullatore ad immersione.

Potrete presentare queste creme spalmabili come aperitivo con dei crackers senza strutto, con delle bruschette di pane tostato (magari fatto in casa!), su delle tartine o come ripieno di barchette e vol au vent oppure, in maniera molto più semplice, servendole con delle cruditè.

Inoltre, mantenendole un po’ più morbide nella procedura di preparazione, potrete usarle al posto della maionese per la realizzazione di tramezzini o per condire un buon piatto di pasta integrale.

Leggi anche: Maionese Vegana: 7 Ricette per Fare la Maionese Senza Uova