8 Rimedi al Fiordaliso: Un Bellissimo Fiore da Riscoprire

In questo articolo vi parleremo delle innumerevoli doti e proprietà di un bellissimo fiore che purtroppo, a causa dell’uso indiscriminato di diserbanti ed antiparassitari, è quasi scomparso allo stato selvatico dal suolo europeo, ma che è comunque possibile reperire in erboristeria sotto forma di fiore essiccato: il fiordaliso.

Questa pianta che fa parte della famiglia delle asteracee è da sempre usata con molteplici benefici in fitoterapia e in cosmesi, grazie anche alle sue proprietà astringenti e antinfiammatorie. Ecco come usare questo straordinario fiore in cucina ma anche per curare piccoli disturbi e per mantenere la pelle elastica e sana.

rimedi-fiordaliso-fiore

Uso Fitoterapico del Fiordaliso

In ambito fitoterapico il fiordaliso può essere usato sotto forma di infuso e decotto, da fare sia con i fiori che con i suoi semi. In questo campo il fiordaliso è molto utile per chi soffre di digestione lenta, per stimolare il metabolismo in modo naturale e per alleviare le infiammazioni del cavo orale.

Infuso di fiordaliso

Questo infuso si prepara utilizzando 4 gr. di fiori secchi e una tazza di acqua bollente e può essere assunto per due volte al giorno.

L’infuso di fiordaliso è benefico contro raffreddori, dolori articolari e bronchiti o arrossamenti di gola; inoltre ha un effetto astringente e ripristina la normalità in caso di disordini intestinali. Il fiordaliso aiuta anche il metabolismo e purifica l’apparato urinario, essendo anche diuretico e drenante. Una tazza di infuso di fiori secchi di fiordaliso, bevuto ancora caldo dopo un pasto troppo abbondante, favorisce la digestione.

Leggi anche: Gonfiore Addominale Dopo i Pasti: 7 Tisane Sgonfianti

Lassativo ai semi di fiordaliso

I semi di fiordaliso, a differenza dei fiori, hanno un lieve effetto lassativo. Per questo 2 gr. di semi assunti insieme ad un cucchiaino di miele, possono aiutare in maniera molto dolce e non aggressiva, un intestino pigro.

Decotto di fiordaliso

Un ottimo decotto di fiordaliso si ottiene mettendo in acqua fredda 40 gr. di fiori secchi per litro d’acqua portando a bollore e facendo bollire per 5 minuti. Può essere usato, una volta raffreddato e filtrato, anche come collutorio naturale o per gargarismi in caso di qualunque infiammazione del cavo orale o della gola.

Leggi anche: Come Fare in Casa il Collutorio Naturale: 5 Ricette Semplici

Uso Cosmetico del Fiordaliso

Anche in cosmetica il fiordaliso è utile in molti campi, ma certamente indispensabile per la salute e la bellezza degli occhi. Questo fiore infatti rientra nella composizione di molti colliri o prodotti per gli occhi e può essere utilizzato per creare degli impacchi in caso di occhiaie, arrossamenti e congiuntiviti.

Impacco di fiordaliso

Questo impacco è un vero toccasana per tutti problemi oculari quali congiuntiviti, dermatiti, occhi arrossati e stanchi, occhiaie e borse, inoltre attenua rugosità e zampe di gallina distendendo la pelle. Si ottiene mettendo in acqua fredda 40 gr di fiori secchi per 1 litro d’acqua. Portare ad ebollizione e lasciare bollire per 5 minuti.

Per ottenerne i benefici è sufficiente intingere nel decotto (raffreddato e filtrato) un dischetto di cotone e tamponare delicatamente gli occhi insistendo per qualche minuto, o se si ha tempo, distendersi per 10 minuti con i dischetti di cotone imbevuti sugli occhi. Lo stesso decotto inoltre è utile nella pulizia e la cura di piaghe cutanee di ogni genere di persone o animali.

Bagno al fiordaliso

Si realizza semplicemente mettendo due manciate di fiori secchi o freschi in un sacchetto di tulle o di organza che va immerso nell’acqua del bagno. Per godere delle sue proprietà, bisognerà restare immersi per almeno 15 minuti.

Questo bagno risulterà molto benefico a chi soffre di arrossamenti ed irritazioni frequenti, a chi ha una sudorazione eccessiva, e a chi dopo il bagno tende ad avere l’epidermide arrossata e soggetta a pruriti. Volendo si può aggiungere nel sacchetto, oltre ai fiori di fiordaliso, anche un pugno di semi macinati di avena, per potenziarne l’effetto emolliente ed ammorbidente.

Pediluvio al fiordaliso

Dopo una giornata passata in piedi o comunque ogni volta che abbiamo i piedi stanchi o affaticati, possiamo fare un bel pediluvio al fiordaliso, delicato e profumato.

Mettiamo in una bacinella un sacchetto di tulle od organza con dentro un cucchiaio di fiori secchi o freschi di fiordaliso, uno di camomilla ed uno di timo. Teniamo a bagno i piedi in acqua tiepida per almeno 15 minuti e alla fine avremo piedi freschi, deodorati, privi di gonfiori e screpolature e il senso di benessere si sarà propagato a tutto il corpo.

Leggi anche: Come Eliminare il Cattivo Odore dei Piedi in Modo Naturale

Infuso di fiordaliso per rinforzare i capelli

L’infuso di fiordaliso si rivela anche un ottimo rimedio per capelli sani e forti. Basta usarlo come ultimo risciacquo dopo il lavaggio in modo da eliminare le impurità dal cuoio capelluto.

Maschera al fiordaliso

Nel campo della cosmetica possiamo avvalerci del fiordaliso anche per dare sollievo alla pelle del viso di cui questo fiore è un grande alleato per attenuare le rughe e i cedimenti attraverso una maschera rigenerante.

Abbiamo bisogno di:

- due cucchiai di decotto di fiordaliso (ottenuto facendo bollire 20 gr di fiori secchi in 500 ml di acqua)

- un cucchiaio di yogurt al naturale (un cucchiaio di panna di soia nella versione vegan)

- una goccia di olio essenziale di camomilla

- mezzo cucchiaino di olio di oliva o di mandorle

Amalgamate bene gli ingredienti e applicate la maschera sul viso lasciando agire per 10 minuti. Trascorso il tempo necessario rimuovete il tutto lavando il viso con l’infuso di fiordaliso. Questa maschera è utile per eliminare rossori, screpolature, rughe precoci; allevia i sintomi di eczemi ed acne, chiude i pori, addolcisce la pelle e la rende più trasparente e luminosa.

Leggi anche: 5 Maschere Viso fai da te per Pelle Grassa e Punti Neri

Uso in Cucina del Fiordaliso

I fiori del fiordaliso sia freschi che secchi, possono essere usati per insaporire ed abbellire insalate e contorni (come patate o carote bollite), macedonie di frutta, cocktail e qualunque piatto vogliate presentare in maniera elegante e gioiosa.

Tenete conto che certo, l’impatto estetico dei fiori freschi, è nettamente superiore! Si ricordi che le proprietà fitoterapiche del fiore mantengono la loro efficacia anche a crudo, quindi aggiunti alle pietanze ne facilitano la digeribilità. Il fiordaliso non ha controindicazioni di nessun tipo alle dosi indicate se non per soggetti allergici alla pianta specifica.

Consigli Finali sul Fiordaliso

Ricordiamo che il fiordaliso viene considerato ormai in Europa una pianta in via di estinzione allo stato selvatico, è quindi opportuno non coglierne i fiori qualora si avesse la fortuna di trovarne in natura, ma avvalersi di quelli che si trovano in erboristeria, oppure optare per l’acquisto di semi in un qualunque negozio di botanica e decidere di piantarlo.

Questo ci consentirà di avere fiori freschi per diversi mesi all’anno, di abbellire i nostri giardini o balconi con fiori davvero stupendi ed originali e soprattutto di contribuire, grazie al lavoro dei nostri amici impollinatori, a propagare di nuovo il loro seme e sperare, chissà, di poterli rivedere presto di nuovo numerosi e floridi vicino a papaveri e margherite nei nostri campi in estate.

Come Coltivare, Essiccare e Conservare il Fiordaliso

I semi di fiordaliso si possono piantare in primavera o in autunno direttamente a dimora. La pianta è annuale o al massimo biennale, ma una volta che sarà fiorita si replicherà di anno in anno in maniera autonoma attraverso i semi caduti sul terreno senza bisogno di intervento alcuno.

La pianta di fiordaliso infatti richiede solo l’accortezza di essere seminata inizialmente preferibilmente per due stagioni consecutive. I fiori vanno fatti essiccare sopra una griglia aerata, a distanza di 1 cm l’uno dall’altro in luogo fresco, asciutto e all’ombra. Una volta essiccati si conservano in un contenitore di vetro chiuso e al buio.

Roberta Rocchetti si occupa da molti anni di counseling attraverso una metologia che si sviluppa con l’analisi degli archetipi simbolici dei Tarocchi e si interessa di terapie naturali il cui studio va a corollario del suo amore per la natura. Per info e contatti: niromare@gmail.com