Miglio: il Cereale Senza Glutine, Alleato della Bellezza

Il miglio fa parte della categoria dei cereali, in particolare della famiglia delle Graminacee, ed è privo di glutine quindi ottimo per i celiaci ma non solo. È un cereale conosciuto fin dalla Preistoria, soprattutto diffuso in Africa e in India, ma che è stato un alimento fondamentale nella dieta di alcuni popoli europei, durante il Medioevo, in quanto fu un valido sostituto della carne.

Si presenta con grani rotondi, molto piccoli e di un colore giallo dorato. Purtroppo non è molto diffuso nell’alimentazione umana odierna, dove viene soppiantato da pasta e riso che arricchiscono le nostre giornate senza varietà. Quando si pensa al miglio si pensa subito all’alimentazione degli uccelli, ebbene sì, anche noi dovremmo consumare questo cereale, in quanto numerose sono le sue proprietà alimentari e terapeutiche.

Il bello dei cereali è che sono tanti e tutti dovrebbero popolare le nostre tavole, non solo per dare varietà ai nostri piatti, ma anche perché ogni cereale porta con sé un bagaglio di salute utile al nostro organismo.

Proprietà del Miglio

il-miglio-proprietà

L’assenza di glutine non è certo l’unico vantaggio. Il miglio, composto prevalentemente da carboidrati (circa 72 g per 100 g di prodotto), da una buona quota di proteine (circa 12 g per 100 g di prodotto) e da pochi grassi (circa 4 g per 100 g di prodotto), è ricchissimo di nutrienti in grado di apportare numerosi benefici all’organismo umano, tra cui una buona dose di Vitamine del gruppo B. Per 100 g di prodotto, il miglio fornisce circa 360 Kcal.

1. È un ottimo alleato della salute degli organi

Il miglio fa bene ai reni e al fegato, in quanto favorisce la diuresi, ossia aiuta il corpo ad eliminare velocemente i rifiuti. Facilmente digeribile, il miglio, essendo alcalino contrasta l’acidità di stomaco, prevenendo episodi di gastrite ed eventuali ulcere.

Per queste caratteristiche è consigliato nella prima infanzia e durante gli stati di convalescenza. Porta benefici all’intestino, grazie al suo contenuto di fibre che aiutano il transito intestinale prevenendo costipazione, stipsi, gonfiori addominali, crampi e cancro al colon.

Leggi anche: Gonfiore Addominale Dopo i Pasti: 7 Tisane Sgonfianti

2. È energizzante, rinforzante e contrasta la depressione

Il contenuto in carboidrati fa del miglio un alimento che dà molta energia (indicata per questo anche nell’alimentazione dello sportivo). Alcune sostanze presenti (come l’acido silicico) rendono il miglio utile per rinforzare le unghie, i capelli ma anche lo smalto dei denti.

Grazie al contenuto in serotonina, una sostanza che agisce contro lo stress e il cattivo umore, il miglio ha effetti anti-depressivi.

3. È ricco di proteine

Quando uno parla di proteine si pensa subito alla carne, abbandonate i miti, il miglio è un buon sostituto della carne grazie al suo contenuto in proteine. In particolare contiene tutti gli aminoacidi eccetto che per la lisina; per tale ragione, è bene accostare il miglio ad alimenti come fagioli, semi di lino, tofu, avena o quinoa per sopperire alla mancanza del suddetto aminoacido. Tale ricchezza di proteine, lo introduce come alimento fondamentale nella dieta dei vegani e vegetariani.

4. Contiene una buona dose di antiossidanti

Il miglio contiene fenoli che hanno una grande capacità antiossidante in quanto neutralizzano la copiosa presenza di radicali liberi e prevengono lo stress ossidativo; per tale ragione, il miglio contrasta tutte quelle malattie cronico-degenerative dell’epoca odierna, tra cui il cancro, l’artrite, le malattie cardiovascolari, il diabete, l’osteoporosi e il morbo di Alzheimer.

Leggi anche: I 10 Migliori Antinfiammatori Naturali da Portare in Tavola

5. È un’ottima fonte di vitamine e minerali

Fra le vitamine si annoverano quelle del gruppo B (B1, B2, B3, B5 e B6), che favoriscono il metabolismo energetico, in particolare la B3 aiuta ad abbassare i livelli di LDL (colesterolo cattivo) nel sangue, regolano l’attività enzimatica e la produzione dei globuli rossi e coadiuvano il sistema nervoso; si trovano buone quote di vitamina E che, insieme ai fenoli, svolge un’attività antiossidante e in piccola percentuale si trova la vitamina K.

Il miglio è il cereale più ricco in sali minerali. Risulta, infatti, essere una buona fonte di ferro, magnesio, potassio, calcio, fosforo, manganese, rame, sodio, zinco e selenio.

6. Previene le malattie cardiovascolari e diabete

Il potassio e il magnesio agiscono come vasodilatatori abbassando la pressione sanguigna e prevenendo infarti, ictus ed aterosclerosi. Oltre ad avere un indice glicemico relativamente basso, il miglio riduce i livelli di zuccheri nel sangue grazie alla presenza delle fibre. Per tale ragione il cereale sarebbe anche in grado di prevenire il diabete di tipo 2.

Come Cuocere il Miglio

In cucina, grazie al suo sapore delicato che si avvicina leggermente a quello della nocciola, possiamo utilizzarlo sotto forma di chicco in fiocchi, di farina o di latte vegetale. Prima di cuocere il miglio in chicchi deve essere lavato in acqua fredda, scolato molto accuratamente e tostato leggermente con un filo d’olio in un tegame.

Nel frattempo va messa a bollire l’acqua necessaria per la cottura del miglio (almeno il doppio del suo volume). Quando l’acqua è bollente deve essere versata nella pentola in cui è stato tostato il miglio e va portata ad ebollizione a fiamma alta. Una volta raggiunta l’ebollizione, va abbassata la fiamma, salare e lasciare cuocere a fuoco lento, coperto per 20 minuti.

Il miglio si appresta bene alla preparazione di sformati, polpette, zuppe, insalate, vellutate, frullati, frittelle, porridge, un po’ come il riso e tutti gli altri cereali.

Ricetta con il Miglio

Polpette di miglio e radicchio:

Ingredienti:

150 gr di miglio

200 gr di radicchio

1 cipolla rossa media

Pan grattato q.b.

Olio, sale, curcuma, pepe.

Sbucciate la cipolla e stufatela con 2 cucchiai di olio evo e uno d’acqua. Unite il radicchio lavato, asciugato e tagliato a striscioline, salate, mescolate e cuocete a fiamma vivace fino a quando sarà appassito. In una ciotola aggiungete il miglio cotto e freddo e unite il radicchio. Aggiungete anche la curcuma e altre spezie a piacere come curry, paprika, pepe o aromi (menta, prezzemolo, timo, maggiorana).

Con le mani inumidite formate tante polpettine, passatele nel pan grattato e fatele riposare 30 minuti in frigo. Friggetele su fiamma alta in una padella con mezzo dito d’olio fino a che risultino dorate e croccanti. Scolatele su carta da cucina e servite ben calde. Oppure, per farle più leggere, infornate a 170°C per 20 minuti.

Leggi anche: Polpette di Miglio Vegan con Salicornia

Dove Comprare il Miglio

È possibile acquistare il miglio (compreso quello decorticato) nei supermercati, in erboristeria,o in negozi specializzati in vendita di alimenti biologici oppure online. Se possibile scegliere sempre un miglio biologico, per evitare di ingerire agenti chimici tossici per la salute. Si può trovare già confezionato oppure sfuso in alcuni negozi che vendono prodotti alla spina.

Controindicazioni del Miglio

Per finire, parliamo brevemente delle controindicazioni del miglio. Questo cereale non è indicato per persone allergiche alle Graminacee e per chi soffre di ipotiroidismo, in quanto rientra tra gli alimenti gozzi-geni, ossia che generano il gozzo, interferendo con il metabolismo dello iodio, fondamentale per la tiroide.

Sono Valeria e sono una Biologa Nutrizionista. Sono attratta dal mondo dell’alimentazione da sempre o quasi. Ho sempre visto il cibo come un qualcosa che non solo ci dà energia e ci consente di sopravvivere, ma anche come nutrimento per corpo e mente. Ad oggi l’uomo mangia non si nutre. Il mio motto è “varietà e semplicità. La varietà ci assicura che nessun nutriente ci mancherà; la semplicità che non ci nutriremo i cibi nocivi”. Le mie passioni sono: camminare, lettura, scrittura, fotografia, cucina. Per consigli e ricette visita “la mia pagina Facebook”