Perché Usare l’Olio di Cocco per i Denti e Buttare il Dentifricio

Avete mai pensato di usare un prodotto del tutto naturale per assicurare igiene e salute ai vostri denti? Alcuni studi hanno, infatti, dimostrato che l’olio di cocco per i denti è migliore del dentifricio, non solo perché si tratta di un prodotto naturale privo di sostanze chimiche e controindicazioni, ma anche perché possiede potenti proprietà antibatteriche.

Naturalmente, stiamo parlando di olio di cocco puro, ovvero di un olio vegetale privo di additivi e conservanti che si ottiene tramite pressatura della polpa del frutto essiccata; anche se il suo uso in cucina non è molto diffuso se non per la preparazione di dolci e biscotti (ma può essere usato tranquillamente anche per friggere e per condire), esso trova però ampio utilizzo in campo cosmetico.

In India, ad esempio, l’olio di cocco è usato fin dall’antichità per rendere le chiome lisce e fluenti. Alcuni ricercatori che hanno studiato l’azione dell’olio di cocco per i denti, hanno dimostrato come questo olio riesca ad debellare gli streptococchi, famiglie di batteri comunemente presenti nel cavo orale e responsabili della formazione di placca, gengiviti e carie.

Perché Usare l’Olio di Cocco per i Denti?

olio-di-cocco-per-i-denti

La proprietà antibatterica dell’olio di cocco per i denti è dovuta alla forte presenza di acido laurico, un trigliceride a catena media, che, quando entra in contatto con gli enzimi presenti nella nostra bocca, si trasforma in monolaurina, sostanza presente anche nel latte materno che aiuta i neonati a difendersi dalle infezioni.

L’aspetto più interessante è che l’acido laurico è in grado di svolgere la sua azione antimicrobica anche in concentrazioni piuttosto basse, dunque potrebbe essere tranquillamente utilizzato come additivo naturale, in sostituzione di quelli chimici, in dentifrici, collutori e altri prodotti destinati all’igiene orale. I motivi per cui si dovrebbe usare l’olio di cocco per i denti e buttare il dentifricio sono molteplici: vediamo insieme i principali.

Leggi anche: Come Fare in Casa il Collutorio Naturale: 5 Ricette Semplici

1. Non contiene sostanze chimiche

Trattandosi di un prodotto naturale, l’olio di cocco per i denti è privo di tutte quelle sostanze chimiche presenti invece nei dentifrici convenzionali. Una di queste è, ad esempio, il triclosan, agente chimico appartenente alla famiglia dei clorofenoli, cui sono associate proprietà disinfettanti e antibatteriche.

Di recente, però, alcuni studi hanno evidenziato come l’uso del triclosan possa portare il nostro organismo a sviluppare una forma di resistenza nei confronti degli antibiotici comunemente usati all’interno dei medicinali. Inoltre, sembra che esso sia in grado di alterare la produzione di ormoni da parte del nostro sistema endocrino, con effetti negativi sugli organi sessuali primari e secondari (mammella, ovaie, testicoli) e interferenze anche per quanto riguarda la salute del feto nelle donne incinte.

In generale, dato che il triclosan è presente in moltissimi prodotti, non solo quelli legati all’igiene personale, ma anche, ad esempio, quelli usati nella pulizia della casa, sono sempre più frequenti i casi di ipersensibilità, che possono sfociare in dermatiti e altre manifestazioni allergiche.

Oltre al triclosan, i dentifrici comuni contengono fluoro, minerale a cui sono attribuite proprietà benefiche nei confronti dei nostri denti ma che in grandi quantità è nocivo per l’ambiente; alcuni studi hanno dimostrato come in verità le piccole quantità di fluoro presenti nei dentifrici siano del tutto ininfluenti ai fini di proteggere lo smalto dei nostri denti. Per di più, accumuli di fluoro nel nostro organismo, dovuti anche all’ingestione accidentale di dentifricio, non solo possono portare in macchie permanenti ai denti nei bambini, ma anche a disfunzioni alla tiroide e disturbi al sistema nervoso.

L’olio di cocco, ottimo dentifricio naturale, invece non contenendo fluoro, può essere usato tranquillamente perfino dai bambini e, anche se è preferibile non ingerirlo, qualora ciò dovesse accadere non comporterebbe alcun rischio per la salute.

2. E’ uno sbiancante naturale

L’olio di cocco per i denti si è rivelato anche un ottimo sbiancante naturale. L’acido laurico contenuto al suo interno, oltre a combattere i batteri presenti nel cavo, responsabili di placca, tartaro e carie, pulisce e sbianca i denti, senza produrre alcun danno allo smalto, come invece avviene nel caso di altri prodotti sbiancanti artificiali.

E’ sufficiente strofinare sui denti almeno una volta al giorno un cucchiaino di olio di cocco distribuito su un normale spazzolino o su un panno pulito, per rimedio all’antiestetico ingiallimento dello smalto.

3. E’ molto economico

Un altro vantaggio dell’uso dell’olio di cocco per i denti è che esso è estremamente economico; sono infatti sufficienti piccole quantità di questo olio per mantenere i denti puliti e contrastare così la formazione di placca, tartaro e carie. Mentre un tubetto di dentifricio dura, di solito, non più di un mese, una confezione di olio di cocco usata per i vostri denti può durare anche svariati mesi.

Considerate, inoltre, che in virtù delle sue proprietà detergenti, lenitive ed elasticizzanti esso può essere utilizzato sia come struccante pelle/occhi che come olio da massaggio o per preparare nutrienti maschere per capelli. Un altro impiego dell’olio di cocco riguarda la pratica dell’oil pulling, una tecnica antichissima importata dalla medicina indiana che consiste nel fare delle abluzioni di circa 20 minuti con olio di cocco, olio di sesamo o altri oli, allo scopo di liberare il cavo orale da batteri e tossine.

4. E’ privo di tensioattivi

Molti dentifrici industriali contengono quantità elevate di tensioattivi, come ad esempio solfato di sodio, laureth solfato di sodio (SLS), o lauril-etere di sodio (SLES), sostanze chimiche fortemente irritanti che hanno lo scopo di produrre la schiuma nel momento in cui il prodotto entra in contatto con l’acqua, ma che, in effetti, non hanno alcuna funzione detergente.

Anzi, secondo alcuni studi l’uso di questi agenti artificiali, oltre ad essere spesso causa di arrossamenti, piaghe in bocca e bruciori, alle lunghe sarebbe in grado di modificare il funzionamento delle nostre papille, distruggendo i lipidi in esse presenti; è questo il motivo, ad esempio, per cui, dopo esserci lavati i denti con un comune dentifricio, avvertiamo molto di più il gusto amaro. Al contrario, l’olio di cocco usato come dentifricio, essendo un prodotto del tutto naturale, non altera l’equilibrio fosfolipidico di lingua e palato, pur rimuovendo efficacemente i batteri.

5. Elimina placca e batteri

La ricerca mostra che utilizzare olio di cocco per i denti contrasta in modo molto più efficace di un normale dentifricio la formazione di placca e carie, in quanto l’acido laurico e altri grassi in esso contenuto determinano la riduzione di alcuni ceppi di streptococchi, batteri responsabili di tutti i principali disturbi della nostra bocca, fra cui gonfiore alle gengive, sanguinamenti gengivali, alitosi, placca, tartaro e carie.

Tenete presente che gli streptococchi, una volta che hanno aggredito lo smalto, possono infiltrarsi all’interno della dentina, il tessuto organico sottostante, e molto velocemente intaccare la polpa dentale, causando pulpite, patologia che consiste in un’infiammazione, o ascesso, della parte più interna del dente, associata solitamente a dolore acuto e talvolta a febbre e gonfiore.

La pulpite, se non trattata, può causare morte e perdita del dente colpito; ecco perché avere una corretta igiene orale è sempre raccomandato e perché usare l’olio di cocco per i denti, con le sue proprietà antibatteriche, si rivela senza dubbio la scelta migliore.

Leggi anche: Alito Cattivo? Prova questa Tisana contro l’Alitosi

6. E’ adatto anche agli animali

L’olio di cocco per i denti è ottimo non solo sugli adulti e sui bambini, ma anche sugli animali domestici come gatti e cani. L’applicazione di quest’olio non solo è molto semplice (potete, ad esempio, usare un piccolo panno o una garza da strofinare direttamente sui denti del vostro animale) ma è anche estremamente più efficace di altri metodi, in quanto l’enzima dell’olio di cocco responsabile dell’azione antibatterica agisce già a basse concentrazioni.

Se il vostro cucciolo, dovesse essere piuttosto riluttante a farsi lavare i denti, provate a fargli leccare una piccola quantità di olio di cocco per i denti da una ciotola e ottenere risultati incredibili.