Patate Viola: Tubero Antiossidante dal Potere Antinfiammatorio

Le patate viola sono un tubero dalla forma oblunga, più o meno delle dimensioni di una pallina da golf, il cui nome è dovuto al caratteristico colore violaceo della polpa interna, mentre la buccia, più dura e spessa, ha di solito un colorito più vicino al marrone scuro, al blu o al nero: è per questo, che in molte regioni, le patate viola vengono indicate anche con nome di patate nere o patate blu.

Questo genere di patata, anch’esso appartenente alla famiglia delle solonaceae, come molte altre specie vegetali commestibili fra cui le melanzane, i pomodori e i peperoni,  è in realtà originario, proprio come le qualità a polpa gialla, dell’America Meridionale, in particolare di alcune regioni del  Cile e del Perù.

Le prime patate viola furono  importate in Europa dagli spagnoli,  anche se la loro diffusione è stata più limitata rispetto alle altre tipologie di patate a buccia rossa o gialla. Allo stato attuale, la patata viola viene coltivata soprattutto in Francia, nelle zona delle Picardie, e questo spiega il suo ampio ricorso nella cucina francese. Dal punto di vista del sapore, le patate blu, chiamate anche patate vitelotte, ricordano quello delle nocciole o delle castagne; la polpa, estremamente farinosa, una volta cotta può risultare un po’ appiccicosa.

Trattandosi di una qualità molto antica, la patata viola non ha subito alcuna modificazione dal punto di vista genetico, perciò conserva intatte tutte le sue proprietà organolettiche. In particolare, il colore viola di queste patate è associato, come nel caso di altri frutti ed ortaggi che hanno questa colorazione (basta pensare all’uva rossa o ai mirtilli) alla forte presenza di antiossidanti, che hanno un ruolo fondamentale per mantenere in salute il nostro organismo e metterci ad riparo da alcune malattie come il cancro, l’ictus e l’infarto.

Proprietà delle Patate Viola: Perché Fanno Bene?

patate-viola-proprietà

Le patate viola o patate blu rappresentano un prezioso alleato per la nostra salute: poco caloriche, una porzione corrispondente a 3 patate di piccole dimensioni contiene solo 131 calorie, suddivise i 30 gr di carboidrati, 3 gr di proteine e zero grassi. La stessa porzione di patate viola contiene anche 4 gr di fibre, pari a circa il 16 per cento della dose raccomandata di fibra su una dieta di 2.000 calorie giornaliere.

Leggi anche: Come Fare il Pieno di Fibre dalla Colazione alla Cena

Tre patate viola contengono inoltre il 55% della dose giornaliera raccomandata di vitamina C o acido ascorbico (presente soprattutto nella buccia) e il 7% di ferro. Esse sono, inoltre, molto ricche di potassio, minerale fondamentale per regolare la pressione sanguigna e mantenere in salute muscoli ed ossa.

Ciò che però rende davvero indispensabile introdurre la patata viola nella nostra dieta è la forte presenza di antiossidanti, scarsi o assenti nelle sorelle a polpa e buccia gialla: il caratteristico colore viola/ blu di queste patate è dovuto, infatti, proprio alla presenza di antociani, flavonoidi naturali a cui sono attribuite molte vantaggiose funzioni.

Uno studio condotto dall’American Chemical Society Meeting a Denver, nel 2012, su un campione di persone in sovrappeso affette anche da ipertensione, ha dimostrato che mangiando da 8 a 6 patate viola per due volte al giorno per un mese, non solo i partecipanti non hanno riportato alcun incremento di peso, ma sono riusciti a controllare efficacemente la loro pressione sanguigna.

Antociani e carotenoidi, altri antiossidanti presenti in gran quantità nella patata blu, hanno inoltre una funzione fondamentale per prevenire malattie cardiache e alcune forme di tumori. Altri studi hanno, infine, dimostrato come tutti gli antiossidanti appartenenti alla famiglia dei flavonoidi, di cui appunto le patate viola sono molto ricche, riescano efficacemente a proteggere l’integrità del nostro DNA, incoraggiando la produzione di citochine, sostanze che permettono una corretta risposta del nostro sistema immunitario in tutti i casi di aggressione. Le citochine hanno inoltre notevoli proprietà antinfiammatorie, aiutano a rafforzare le membrane e a regolare l’attività degli estrogeni, riducendo il rischio di malattie associate a squilibri di tipo ormonale.

Come Cucinare le Patate Viola

Le patate viola possono essere gustate in molti modi diversi, sia da sole che in abbinamento ad altri ingredienti: tenete presente, però, che in tutte le preparazioni è sempre preferibile togliere la buccia, perché dura e poco digeribile. Dato che la patata blu ha una polpa piuttosto farinosa, si sconsiglia la cottura a vapore, mentre lessarle in abbondante acqua salata per 30 o 40 minuti è una valida soluzione.

Se volete usare le patate viola per la preparazione di torte salate e gateau e preferite una consistenza più liscia, provate a mescolarne la polpa con quella di altre patate, anche se in questo modo si ridurrà l’effetto cromatico. Se, invece, volete esaltare proprio questo aspetto, vale a dire l’inconfondibile colore viola, ricordate di cuocere le patate vitelotte con la buccia.

I pigmenti colorati si disperderanno nel liquido di cottura, mantenendo intatta la colorazione violacea della polpa! Inoltre, in questo modo beneficerete delle numerose sostante nutritive presenti anche nella buccia della patata viola, fra cui flavonoidi, potassio e acido ascorbico.

Un’idea originale e divertente per cucinare le patate blu potrebbe essere quella di realizzare un purè o degli gnocchi dalla colorazione insolita. Per la preparazione dei gnocchi, fate bollire le vostre patate viola in una pentola d’acqua conservando anche la buccia; una volta che la polpa avrà raggiunto la giusta consistenza (fate la prova con una forchetta, se passa da un lato all’altro vuol dire che la patata è cotta) sbucciate i tuberi e schiacciateli con un passapatate. Aggiungete della farina all’impasto per dare agli gnocchi la giusta consistenza e cuoceteli in acqua salata, togliendoli con un colino non appena saliranno in superficie.

In generale, le patate viola possono essere cucinate in tutti i modi in cui sono cucinate le altre qualità di patate, ma se volete amplificare al massimo le loro proprietà benefiche privilegiate la cottura al forno o la bollitura, rispetto, ad esempio, ad altri metodi come la frittura che prevedono l’uso di grassi.