Proprietà della Cannella, Usi in Cucina e Controindicazioni

Le proprietà della cannella sono numerosissime e variano dall’azione antisettica contro funghi e batteri, a quelle antidiabetiche, anestetiche e antinfiammatorie. La cannella è una spezia utilizzata fin dai tempi più antichi, non solo per la sua fragranza, ma anche per le sue proprietà mediche (specie la cannella di Ceylon) e culinarie. Non è raro inoltre, l’impiego della cannella per dimagrire e accelerare il metabolismo. Tale spezia, dal sapore unicamente esotico e molto dolce, un tempo era considerata più costosa dell’oro.

Oggi, si può reperire in un qualunque supermercato ad un prezzo più che accessibile, non solo in polvere ma anche in stecche essiccate; in erboristeria inoltre è possibile trovarla sotto forma di olio essenziale. In cucina, per mantenere intatti sia la fragranza che il sapore, è necessario aggiungere la cannella all’ultimo momento e proprio alla fine di tutti gli ingredienti, per evitare che gli oli essenziali evaporino durante la lavorazione.

Spesso, questa spezia è utilizzata con le ricette a base di cioccolato e per alcuni tipi di dolci, come torte di mele o pere, pasticcini, ma anche bevande come tè e cioccolate calde. In Asia, invece è molto utilizzata per le preparazioni di piatti tipici salati, associata a riso, pesce, pollo e carni magre. Ma vediamo quali sono le proprietà della cannella e in che modo utilizzarla in cucina, per tante ricette aromatiche!

Proprietà della Cannella

proprietà-della-cannella

La cannella è molto utilizzata in ambito erboristico per i suoi effetti antimicrobici, antibatterici e antinfiammatori; tra le proprietà della cannella c’è infatti la capacità di alleviare raffreddore e mal di gola, rinforzare il sistema immunitario ma anche trattare diversi tipi di dolori come mal di denti e dismenorrea.

L’uso della cannella per dimagrire

L’impiego della cannella per dimagrire non è insolito e nemmeno una novità. Questa spezia, in concomitanza con una corretta alimentazione e il giusto stile di vita, evita l’accumulo di gas e tossine e di conseguenza la sensazione di gonfiore, oltre a prolungare il senso di sazietà. Inoltre, tra le proprietà della cannella, si annovera anche l’azione termogenica, ossia la capacità di aumentare il calore del corpo. Questo effetto permette di bruciare una maggiore quantità di grassi e di accelerare il metabolismo basale, responsabile delle reazioni chimiche che attivano le principali funzioni corporee necessarie alla sopravvivenza. Tali proprietà della cannella sono utili per le persone che cercano di dimagrire. Infatti, se lo stomaco ci impiega molto tempo a svuotarsi, la sensazione di sazietà durerà più a lungo, evitando i morsi della fame per un bel po’ di tempo, oltre a bruciare calorie e ad accelerare il metabolismo.

Leggi anche: 5 Tisane per Accelerare il Metabolismo

Cannella e diabete: la spezia come alleata

Sempre per quanto concerne l’utilizzo della cannella in cucina, ci sono delle buone notizie sulla correlazione tra cannella e diabete. Secondo alcune ricerche, infatti, la cannella potrebbe limitare l’incremento della concentrazione di zuccheri nel sangue, principale responsabile del rilascio di insulina. Pertanto, la cannella è da considerarsi un valido alleato per chi soffre di diabete di tipo 2, in quanto riduce non solo le alte concentrazioni di glicemia, ma anche trigliceridi e colesterolo cattivo (LDL).

Antidolorifico e antinfiammatorio naturale

Il consumo abituale di cannella permette di alleviare in modo sensibile i dolori causati da artrite, ciclo mestruale, mal di denti e dolori muscolari, sciogliendo le contratture e stimolando la circolazione. Inoltre, le proprietà antinfiammatorie della cannella, permettono di ridurre i dolori gengivali e il mal di gola.

Azione stimolante

La cannella è un ottimo stimolante del sistema nervoso centrale. La sua azione favorisce il buon umore e allontana la sensazione di apatia, depressione e tristezza. Inoltre, stimola la creatività e la voglia di fare. Tra le proprietà della cannella si ricorda il miglioramento della memoria e la prevenzione della malattia di Alzheimer.

Cannella di Ceylon: la Vera Cannella

Come è stato accennato in precedenza, la qualità più pregiata di questa spezia è la cannella di Ceylon, originaria dello Sri Lanka. Questa varietà, che possiamo definire la “vera” cannella, ha un sapore molto più aromatico e dolciastro e viene usata in  Oriente, soprattutto in India, per preparare il famoso biryani (piatto a base di riso), il garam masala (miscela di spezie) e il tè. I bastoncini di cannella di Ceylon hanno una corteccia più sottile e fragile e, a differenza della cannella comune (Cassia), si sbriciolano più facilmente anche con le mani. Inoltre, il contenuto di cumarina è più basso.

Ricordiamo che la cumarina è una sostanza profumata, che spesso viene aggiunta a tabacchi, profumi, detersivi e detergenti per aumentarne la fragranza. In alte concentrazioni, la cumarina, è tossica; per questo motivo si consiglia sempre di rispettare la dose giornaliera di cannella consentita che si aggira intorno ai 2 gr al giorno e che varia in base al peso corporeo. La cannella di Ceylon è dunque la migliore sia dal punto di vista aromatico che salutistico.

Cannella: Controindicazioni e Dosi

Come accennato, le dosi di cannella non dovrebbero superare i 2 grammi giornalieri, per godere di tutte le proprietà della cannella senza problemi. Infatti, non sono previste controindicazioni se si rispetta la dose massima consigliata. Se invece si è consumatori abituali di dosi massicce di cannella, bisognerebbe prediligere la cannella di Ceylon. Eccessive dosi di cumarina possono causare diversi disturbi, quali:

  • reazioni allergiche, come eritemi e orticaria
  • ulcere e acidità gastrica
  • irritazioni delle mucose
  • interazione con i farmaci, specie anticoagulanti ed epatoprotettivi
  • aumento di gastrite in concomitanza con l’assunzione di FANS.

Cannella: Usi in Cucina

Dopo aver elencato le numerose proprietà della cannella, si corre il rischio di dimenticare che questa spezia è un ottimo alleato anche in cucina. Il suo sapore esotico e molto dolce permette di dare un tocco di originalità a molti piatti, sia dolci, che salati.

In Italia, l’impiego della cannella in cucina è spesso limitato ai soli dolci, come torte e biscotti, cioccolata calda, gelati, yogurt e frullati. Se si è stanchi del solito tè pomeridiano e si vuole aggiungere una nota diversa dal solito alla propria tisana, la cannella è l’ideale. Per ogni tazza, è sufficiente un cucchiaino di cannella in polvere. Possiamo usarla anche per aromatizzare il caffè, mettendone un po’ direttamente nel filtro della moka. Un altro modo goloso per gustarla è preparare le famose mele al forno alla cannella, da provare anche nella variante con le pere.

In Asia, la cannella è più diffusa per la preparazione di cibi salati, specie per tutte quelle ricette a base di carni magre, verdure, ma anche per condire riso e pasta. Perché quindi non provare ad aggiungere un sapore diverso ai soliti piatti, sfruttando al tempo stesso le proprietà della cannella? Per esempio questa spezia si sposa perfettamente con zuppe di verdure, insalate di riso basmati e verdure, ma anche zuppe di legumi e vellutate.

Leggi anche: 10 Benefici della Tisana alla Cannella e Come Farla in Casa