10 Semi della Salute che Non Devono Mai Mancare a Tavola

Tanto piccoli ma anche tanto potenti perché in grado di dare la vita ad alberi, fiori e piante: i semi sono alimenti che di sicuro non devono mai mancare sulle nostre tavole. Per le loro proprietà li possiamo definire veri e propri semi della salute in quanto sono in grado di proteggere e rafforzare ad alcuni organi molto importanti quali cuore, muscoli, ossa, occhi e cervello.

Uno degli elementi di cui questi preziosi semi della salute sono molto ricchi è la fibra, utile per il mantenimento del giusto equilibrio intestinale. Fra le vitamine sono presenti tutte quelle appartenenti al gruppo B, in particolare, la vitamina B6 che contribuisce al corretto funzionamento del nostro sistema immunitario, la vitamina B1 utile a mantenere in salute il cuore e la vitamina B3, indispensabile per immagazzinare energia e sentirci in forze.

Fra i minerali che troviamo maggiormente nei nostri semi della salute ci sono zinco (utile per occhi, pelle, unghie e capelli), ferro, fosforo, calcio e manganese. E’ dunque una buona abitudine consumare questi semi tutti i giorni, da soli come snack sfizioso e salutare, oppure mescolati a cereali, frutta e verdura di stagione.

Per mantenere intatte tutte le loro virtù è preferibile mangiarli crudi, anche se esistono numerose ricette che prevedono la cottura al forno o in padella, la tostatura o addirittura la bollitura dei semi. Evitare se possibile anche di aggiungere sale o zuccheri dato che il seme è un alimento completo così com’è!

E’ infine molto importante variare i tipi di semi da mettere in tavola, non solo per cambiare gusto e consistenza, ma soprattutto perché ad ogni seme sono attribuite proprietà diverse in funzione del diverso contenuto di vitamine, proteine e minerali.

10 Semi della Salute da Mangiare Tutti i Giorni

i-semi-della-salute

Ecco la lista di quelli che a nostro giudizio possono essere considerati a tutti gli effetti come i migliori semi della salute e che dovremo integrare nella nostra abituale alimentazione.

1. Semi di lino

Questi piccoli semini dal colore scuro, sono molto apprezzati in ambito alimentare e cosmetico. Ricchi di acidi grassi insaturi Omega 6 e Omega 3, aiutano non solo a ridurre il colesterolo ma anche a stabilizzare gli ormoni. Ne basta 1 cucchiaio al giorno per fare il pieno di Omega 3 e assicurarsi la giusta protezione per cuore ed arterie.

Dal punto di vista nutrizionale, i semi di lino sono ricchi di fibre e per questo aiutano a regolare la funzionalità intestinale, grazie ad una spiccata azione lassativa. Per usufruire di queste proprietà si può preparare un utile decotto da bere all’occorrenza. Tra i minerali presenti annoveriamo il fosforo, il manganese e il magnesio ma anche alcune vitamine, soprattutto la vitamina E che svolge una funzione antiossidante.

Per godere dei benefici dei semi di lino è necessario tritarli prima di mangiarli. In questo modo possono essere aggiunti a insalate, zuppe o minestre ma anche a dolci (per sostituire le uova, frullati e prodotti da forno). Da questi semi della salute si ricava anche l’olio di lino, un prezioso alleato ed integratore di Omega 3 per i vegetariani e vegani.

Leggi anche: Proprietà dei Semi di Lino: Ottimi per l’Intestino Pigro

2. Semi di Chia

Ricchi ferro e vitamina C, i semi di chia sono anche un’ottima fonte di Omega 3. Un cucchiaio di questi semi apporta circa 60 calorie, 3 gr di grassi e 5 gr di carboidrati, questi ultimi sotto forma di fibre utili anche a controllare la presenza di zuccheri nel sangue e a favorire il senso di sazietà.

Particolarmente ricchi di calcio, i semi di chia sono utili anche per la salute delle ossa dunque consigliabili a bambini e donne in menopausa. Essendo privi di glutine sono adatti anche ai celiaci. Possono essere usati come sostituto di molti cereali, da soli o in abbinamento ad altri ingredienti come latte di soia, yogurt o insalate.

Sono inoltre alla base di molte preparazioni della cucina vegana in sostituzione delle uova visto la loro capacità di assorbire liquidi e fungere da collante. Dai semi di chia si ricava anche una farina con cui si può preparare un ottimo pane, torte o biscotti, oppure possono essere uniti a legumi e cereali per delle gustose zuppe. Per trarre massimo vantaggio dal consumo di semi di chia, si consiglia di assumerne almeno 15 gr al giorno.

Leggi anche: Come Mangiare i Semi di Chia: Tante Idee Originali

3. Semi di zucca

Fra i semi della salute quello che forse maggiormente si distingue da tutti per l’elevata presenza di proteine sono i semi di zucca. . La presenza di un amminoacido essenziale chiamato triptofano, utile nella sintesi della serotonina e della melatonina, rende i semi di zucca degli alleati contro insonnia e depressione.

Essi, infine, contrastano efficacemente i calcoli renali in quanto aiutano il nostro organismo ad espellere ossalati di calcio. I semi di zucca sono anche un’ottima fonte di Omega 3 dalle elevate proprietà antiossidanti. Fra i minerali, troviamo ferro, magnesio e zinco. Tra le vitamine da segnalare c’è di vitamina K, utile anche per contrastare il diabete di tipo alimentare.

Dal punto di vista nutrizionale, un cucchiaio di semi di zucca apporta ben 47 calorie, 2 grammi di proteine, 4 grammi di grasso e 4 di carboidrati. Si possono consumare crudi, come snack, per beneficiare delle loro proprietà ma anche leggermente tostati in padella.

Leggi anche: Semi di Zucca: Come Farli in Casa e Tutte le Proprietà

4. Semi di girasole

Anche i semi di girasole sono ricchi di acidi grassi insaturi, ma la caratteristica più evidente è il contenuto elevato di vitamina E (60 mg ogni 100 gr) un antiossidante che aiuta a contrastare l’invecchiamento cellulare. Sono ideali per chi soffre di diabete o colesterolo alto e aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari come infarto ed ictus.

Un cucchiaio di semi di girasole apporta 51 calorie, 2 gr di proteine e 4,5 gr di grassi. Come per gli altri semi della salute, anche quelli di girasole possono essere consumati come snack salutare sia crudi che tostati. Ottimi anche per condire insalate o usati per la preparazione di un pesto alternativo. La dose giornaliera raccomandata è di 1-2 cucchiaini.

5. Semi di cumino

Questi piccoli semini vengono considerati tra i migliori semi della salute, soprattutto per le loro proprietà digestive e sgonfianti. Una delle loro caratteristiche infatti è quella di contrastare i gonfiori addominali soprattutto se associati ad altre spezie o alimenti dall’azione digestiva come finocchio, chiodi di garofano.

I semi di cumino sono ricchi di ferro (16,23 mg per 100 gr) e per questo raccomandati a chi soffre di anemia, ma presentano anche buone quantità di calcio, potassio e rame. Anche le fibre sono presenti in buona quantità (40 gr su 100) ma più della metà del loro peso è costituito da carboidrati. In cucina sono usati soprattutto per aromatizzare salse, zuppe e prodotti da forno. Utilissimi per realizzare una tisana sgonfiante da preparare dopo un pasto abbondante.

Leggi anche: Semi di Cumino per Sgonfiare la Pancia e Digerire Bene

6. Semi di canapa

semi-di-canapa-decorticati

I semi di canapa sono un alimento completo sotto più punti di vista. Essi contengono infatti tutti e 20 gli aminoacidi (di cui 9 essenziali ) che il organismo non è in grado di produrre da solo. L’elevata presenza di aminoacidi li rende del resto un alimento molto utile a compensare le carenze di proteine e minerali conseguenti di una dieta vegetariana e vegana.

Questi semi della salute sono, inoltre, la specie vegetale che contiene il più alto grado di acidi grassi insaturi distribuiti perfettamente fra acido linoleico (Omega 6) ed acido linolenico (Omega 3). Sono privi di glutine, ma rappresentano una buona fonte di fibre e possono contribuire quindi a ridurre il senso di fame durante un regime ipocalorico, favorendo il dimagrimento.

Leggi anche: Semi di Canapa: Fonte Preziosa di Proteine Vegetali e Fibre

Un cucchiaio di semi di canapa contiene circa 57 calorie, suddivise in 3 grammi di proteine, 4 grammi di grassi e 1 grammo di carboidrati. Grazie al loro sapore simile alla nocciola, possono essere usati in abbinamento a prodotti sia dolci che salati. Dai semi di canapa si può estrarre anche un olio, utilizzabile a crudo per condire insalate, legumi e pasta, ma che va consumato in fretta perché irrancidisce facilmente.

Leggi anche: Come Usare i Semi di Canapa in Cucina: Tante Idee Sfiziose!

7. Semi di Uva

Sembra incredibile come questi minuscoli semi siano tra gli alimenti più ricchi di antiossidanti come la vitamina E, flavonoidi e polifenoli. Grazie a queste sostanze, i semi di uva proteggono l’organismo da malattie degenerative ma anche da infarti e ictus, soprattutto perché aiutano a regolare la pressione e diminuire i livelli di colesterolo.

Inoltre, sono anche ricchi di collagene e per questo sono un prezioso alleato di bellezza soprattutto per contrastare i segni del tempo. L’assunzione avviene solitamente attraverso il consumo di uva, ma in erboristeria si possono reperire capsule e tavolette che ne contengono l’estratto. Da questi semi della salute, inoltre, si ricava anche l’olio di vinaccioli, un prodotto davvero prezioso anche dal punto di vista cosmetico.

8. Semi di melograno

melagrana

Anche i semi della melagrana sono noti per l’elevata presenza di sostanze antiossidanti come tannini e polifenoli che contrastano l’azione nociva dei radicali liberi. Sono ricchi, inoltre, di vitamina C e potassio e per questo molto utili per rafforzare il sistema immunitario. Dalla loro spremitura si ottiene un succo con proprietà astringenti e antibatteriche ma che contiene pochissime calorie.

Per consumare i semi di melograno possiamo aggiungerli anche nelle macedonie e nelle insalate oppure usare il succo come condimento al posto del limone. Un bicchiere di succo di melagrana consumato giornalmente o un frutto di medie dimensioni sono la dose giornaliera raccomandata per beneficiare di tutte le proprietà di questi semi della salute.

Leggi anche: Melagrana e Succo di Melagrana: una Miniera di Salute!

9. Semi di albicocca

Tra i semi della salute non possono mancare i semi di albicocca, noti per la presenza di amigdalina o vitamina B17. Questa sostanza è riconosciuta come uno dei più potenti ritrovati anti cancro esistenti in natura in quanto in grado di attaccare e distruggere le cellule cancerose nel nostro organismo.

Dato che l’amigdalina non si trova molto facilmente in natura (è presente solo in alcuni semi fra cui quelli di mela, uva, miglio, e in alcuni tipi do ortaggi, legumi, frutta secca e cereali) assumere regolarmente dei preparati ai semi di albicocca potrebbe essere utile per integrare questa sostanza nella nostra dieta. Tuttavia occorre prestare la massima attenzione quando si assumono i semi di albicocca in quanto essi sono anche fonte di acido cianidrico (cianuro). Per questo motivo , la dose consigliabile potrebbe essere di 1-2 semi di albicocca al giorno.

Esiste in commercio anche un olio ricavato dalla spremitura dei semi di albicocca, ricchissimo di antiossidanti e di acidi grassi insaturi, che può essere usato per condire a crudo insalate o minestre ma che trova il suo maggior impiego soprattutto in campo estetico in quanto è in grado di restituire elasticità a pelli avvizzite e donare sollievo a cute infiammata ed arrossata. I semi frantumati possono infine essere la base per un ottimo peeling esfoliante a viso e corpo

10. Semi di Sesamo

I semi di sesamo, l’ultimo dei semi della salute di cui andremo a trattare ma non per importanza, sono da sempre rinomati per l’incredibile quantità di calcio che contengono. Solo 100 gr di prodotto, infatti, presentano circa 975 mg di questo prezioso minerale a cui si aggiungono anche zinco, ferro e fosforo. Questi minuscoli semi della salute, presentano anche un alto contenuto di fibre e di acido folico (25% della dose giornaliera raccomandata), utilissimo per le donne in gravidanza.

In un solo cucchiaio di semi si contano 2 grammi di proteine, 51 calorie e 4,5 gr di grassi. In cucina i semi di sesamo, oltre ad essere usati nei prodotti da forno, trovano largo impiego nella preparazione della salsa tahin e del gomasio, uno dei migliori sostituti del sale da cucina. Inoltre, dai semi di sesamo spremuti a freddo, si ottiene un olio ricco di Omega 3, anch’esso molto utile per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

Leggi anche: Semi di Sesamo, Fonte Vegetale di Calcio: Proprietà e Usi