Polpettone Vegan di Lenticchie Ripieno di Zucca e Friarielli

La ricetta di questo polpettone vegan di lenticchie ripieno di zucca e friarielli è perfetta per le feste natalizie e soprattutto per il cenone di Capodanno, dove le lenticchie sono protagoniste indiscusse. Naturalmente si tratta di un piatto ideale da preparare tutto l’anno, preferibilmente nel periodo autunnale ed invernale quando la zucca e i friarielli sono freschi e di stagione.

Ricordiamo che questa ricetta è molto energetica e ricca di proteine e ferro. Le lenticchie infatti sono davvero una preziosa miniera di proteine, fibre, isoflavoni e niacina (potenti antiossidanti). Non mancano la vitamina PP (che riequilibra il metabolismo energetico e aiuta a ridurre i trigliceridi), i sali minerali come il magnesio e il potassio e soprattutto il ferro: si stima addirittura che il contenuto di quest’ultimo, sia di gran lunga maggiore rispetto alla carne.

Leggi anche: Alimenti Ricchi di Ferro: 15 Fonti Vegetali di Ferro

Con le proteine la cosa cambia un po’, infatti c’è da dire che quelle contenute nelle lenticchie, come nei legumi in generale, sono carenti di alcuni aminoacidi essenziali (cisteina e metionina): per questo motivo è consigliabile associare i legumi con pasta o cereali, anche se non necessariamente nello stesso pasto, basterà mangiare per esempio a pranzo legumi e a cena cereali. Ma torniamo al nostro polpettone vegan di lenticchie e vediamo come prepararlo!

Polpettone Vegan di Lenticchie Ripieno di Zucca e Friarielli

polpettone-vegan-di-lenticchie

Per questa ricetta mi sono ispirata al polpettone vegan di lenticchie con carote e spinaci della vegan chef Giulia Giunta. Nella mia versione personale ho usato un ripieno di zucca dal sapore dolciastro che contrasta con quello leggermente amarognolo dei friarielli. Un perfetto connubio di sapori!

Ingredienti per un polpettone da 12 fette circa:

- 300 g lenticchie secche piccole
– una cipolla, una carota e una costa di sedano
– 30 g pomodori secchi
– 50 g di funghi porcini (o altri funghi dal gusto deciso)
– 2 di foglie di alloro
– 2 cucchiai di concentrato pomodoro
– qualche rametto di timo
– rosmarino, paprika affumicata a piacere
– una spolverata di cumino tritato
– 2 spicchi di aglio
– 30 g farina di riso
– 30 g farina di mais
– semi misti a piacere
– olio evo
-sale q.b.

Per il ripieno:
– 300 g di zucca
– 500 g friarielli o cime di rapa

Procedimento:

Come prima cosa dobbiamo preparare un trito con cipolle, carote e sedano lavando e tagliando le verdure in piccoli pezzi. Cuociamo poi le lenticchie in una padella insieme alle foglie di alloro e al trito di verdure.

Intanto possiamo iniziare con la preparazione del ripieno del nostro polpettone vegan di lenticchie: laviamo bene la zucca togliendo tutti i semi, aggiungiamo un po’ di rosmarino, timo fresco e un pizzico di sale, per poi infornarla a 200° per circa 30 minuti.

Mentre la zucca è in forno puliamo i friarielli come di consuetudine, stufiamoli in una padella con un filo di acqua, un goccio di olio, due spicchi di aglio e un po’ di sale . Per questa ricetta possiamo usare anche le cime di rapa già imbustate, basta aggiungere 3 o 4 cucchiai d’acqua; se invece usiamo quelle surgelate stufiamole senza acqua, che potremo aggiungere dopo se necessario. Quando saranno ben cotti, scoliamoli e strizziamoli con cura se hanno assorbito molta acqua. Tornando alle lenticchie, non appena saranno quasi cotte aggiungiamo i funghi e i pomodori secchi insieme ad un paio di cucchiai di olio e un pizzico di sale. Continuiamo la cottura delle lenticchie finché l’acqua sarà del tutto evaporata.

Se invece vogliamo creare una sorta di sughetto da aggiungere al polpettone vegan di lenticchie una volta affettato e impiantato, basterà aggiungere un pochino di acqua in più all’inizio della cottura delle lenticchie e non farla assorbire tutta. Dopo averle scolate, teniamo l’acqua di cottura avanzata da parte e aggiungiamo un cucchiaio di farina o un altro addensante, per renderla cremosa.

Quando anche la zucca sarà cotta, frulliamola con un frullatore ad immersione in modo da ridurla in purea. Per insaporirla ulteriormente possiamo aggiungere a piacere anche un po’ di timo o un pizzico di sale. Facciamo la stessa cosa con le lenticchie frullandole accuratamente con un minipimer. Dovremo ottenere una bella crema omogenea e liscia alla quale andremo ad aggiungere il concentrato di pomodoro, due cucchiai di acqua, una spolverata di paprika, il rosmarino, il cumino e le due farine (di riso e di mais) .

A questo punto non ci resta altro che comporre il nostro polpettone vegan di lenticchie con zucca e friarielli. Ungiamo leggermente della carta da forno e rivestiamo una teglia. Adagiamo l’impasto di lenticchie e appiattiamolo bene aiutandoci con le mani o usando il dorso di un cucchiaio. Disponiamo sopra i friarielli formando uno strato omogeneo e successivamente stendiamo la purea di zucca. Ora, aiutandoci con la carta forno, cominciamo ad arrotolare il tutto, formando piano piano il nostro rollè.

Prima di infornarlo cospargiamolo con dei semini (come quelli di sesamo, zucca e lino) che schiacceremo leggermente in modo da farli aderire alla superficie e non farli staccare durante la cottura.

Leggi anche: 10 Semi della Salute che Non Devono Mai Mancare a Tavola

Ora siamo pronti a cuocere il nostro polpettone vegan di lenticchie! Mettiamolo in forno per circa mezz’ora a 200°, quando comincerà a seccarsi sopra possiamo sfornarlo. Lasciamolo intiepidire e tagliamolo a fette dello spessore che desideriamo. Adagiamo le fettine su un bel piatto da portata e completiamo l’opera con un filo di olio extravergine di oliva a crudo. Se abbiamo preparato il sughetto, versiamolo sul nostro polpettone vegan di lenticchie per renderlo ancora più delizioso!

“La cucina vegana è amore e fantasia”. Sono una food blogger, vegetariana dal 2014; la mia pagina è nata puramente per gioco, ma col tempo mi sono seriamente appassionata specializzandomi in ricette sane e appetitose, ma anche belle a vedersi, perché una pietanza ancor prima di mangiarla, la si gusta con gli occhi. Amo l’homemade: preparare da me prodotti salutari e gustosi è davvero l’ideale perché, oltre ad essere la soluzione più economica, è anche più salutare visto che scegliamo noi gli ingredienti base per assemblare la pietanza e poi, vogliamo mettere la soddisfazione? Se sono qui lo devo sia alla conoscenza della cuoca Gioia Camillo Audrey, sia ai corsi della vegan chef Giulia Giunta di “La mia Cucina Vegetale”, che mi ha aiutata ad affinare molte tecniche apprendendo alcuni trucchetti del mestiere.
Per altre ricette segui la mia pagina Facebook “Il Cuore in Cucina”