Le Proprietà del Riso Venere e 2 Gustose Ricette per Cucinarlo

Porta il nome di una divinità e quale divinità! Niente di meno che la dea dell’amore e, in effetti, non potrete non innamorarvi di questo riso. Cupido, da perfetto aiutante, lo scoccherà col suo arco, chicco dopo chicco, e cadrete estasiati di fronte a tanta bontà ed al suo magico profumo.

Che Cos’è il Riso Venere

Il riso Venere è una particolare varietà che nasce dall’incrocio del costosissimo riso nero cinese ed un di riso di origine italiana e di recente è arrivato sulle nostre tavole con grande successo, malgrado non sia tra i cerali più economici.

Il riso, in generale, è un alimento molto versatile e che può essere usato in mille modi ma questo tipo, in particolare, presenta delle qualità invidiabili. Chiamato così per le sue presunte proprietà afrodisiache, il riso Venere è un riso integrale che si presenta in chicchi lunghi e profumati ed a cui viene tolta l’unica parte non edibile, costituita dalla buccia.

Leggi anche: Riso Integrale: 9 Motivi per Preferirlo al Riso Bianco

Ma è proprio questa buccia che conferisce al riso la sua particolarissima colorazione che cela comunque, dopo la cottura, un interno bianco.

Tutte le Proprietà del Riso Venere

riso-venere

Questo riso, essendo integrale, è sicuramente migliore di tutti i tipi di riso sbiancati e raffinati ma le sue caratteristiche vanno ben oltre. È infatti altamente digeribile, adatto (come tutte le varietà di riso) ai celiaci, ha un bassissimo contenuto di zuccheri e questo lo rende particolarmente adatto a chi è attento alla dieta ed agli sportivi.

È una fonte sana di ferro, magnesio, zinco, selenio e calcio ed è ricco di lisina, un aminoacido di cui sono generalmente carenti gli altri cereali. Il suo color ebano è dovuto alla presenza delle stesse sostanze che conferiscono ai mirtilli la loro tipica cromia.

In effetti, sono anche le stesse sostanze che rendono entrambi degli ottimi antiossidanti e degli efficaci alleati nel combattere la presenza di radicali liberi nell’organismo unitamente al consumo regolare di frutta e verdura nonché di particolari thè, come il thè verde.

Gli stessi antociani, anch’essi presenti anche nei mirtilli, fanno del riso Venere un eccellente controllore dei livelli di colesterolo LDL e lo investono della importantissima capacità di ripulire le arterie dalle placche di grassi che sono le maggiori responsabili di infarto e problemi della circolazione.

Ed ancora grazie ai suoi benefici effetti antiossidanti viene elencato tra i cibi che prevengono cancro e morbo di Alzheimer. Di contro è povero di sodio ma la cosa diventa, di fatto, un elemento positivo specialmente per le persone ipertese che possono consumarlo tranquillamente.

È, ovviamente, ricco di fibre ed ha un notevole contenuto di silicio, un oligoelemento che interviene nella formazione e fortificazione delle ossa. Tutte queste peculiarità lo rendono adatto al consumo a tutte le età, a partire dai bambini fino agli anziani e, a meno di particolari allergie, non ha praticamente effetti collaterali.

Senza nemmeno cuocerlo è consigliato, ad esempio, agli anemici che possono semplicemente immergere un cucchiaio di riso nero in una tazza di acqua calda e berne l’infuso che se ne sprigiona per aumentare il livello di ferro nel sangue.

Leggi anche: Cereali Senza Glutine: 8 Alimenti Per Celiaci

2 Deliziose Ricette con il Riso Venere

Vi suggeriamo ora un paio di ricette per preparare il riso Venere che si può reperire facilmente online ad un prezzo che si aggira intorno ai 4 euro. Tutte le ricette con questo speciale riso sono ottime, profumate e golose anche se dovrete avere un po’ di pazienza perché i tempi di cottura al dente sono un po’ lunghi (circa 40 minuti) ma con il vantaggio di non scuocere. I tempi possono essere comunque dimezzati con l’uso della pentola a pressione.

Insalata di riso Venere

insalata-riso-venere

Ottima d’estate. Piacevole da mangiare nelle giornate calde ed afose.

Ingredienti per 4 persone:

200 g. di riso Venere
1 panetto di tofu affumicato alle erbe e semi
2/3 pomodori grandi maturi ma saldi (o qualche grappolo di pomodorini ciliegino)
Una manciata di mentuccia fresca
Olio extra vergine di oliva q.b.
Un limone biologico

Procedimento:

Lavare il riso e metterlo a cuocere in acqua salata (lasciare sobbollire, non bollire). Mentre il riso cuoce tagliare, in una ciotola capiente, il tofu a dadini ed i pomodori a pezzetti. Tagliuzzare la mentuccia a pezzetti piccoli con le mani. Condire con sale rosa e olio e.v.o a piacimento.

Una volta cotto scolare il riso e passarlo immediatamente sotto l’acqua fredda per fermare la cottura e raffreddarlo. Scolarlo bene ed aggiungerlo al preparato nella ciotola mescolando bene dal fondo. Riporre in frigo per almeno un paio d’ore prima di portarlo in tavola.

Al momento di servirlo grattugiare sopra all’insalata di riso la buccia (solo la parte gialla) del limone biologico. Meglio ancora, se lo avete in casa, condirlo con il limone tagliato a striscioline sottili con l’apposito strumento.

Sformatini di riso Venere al radicchio e funghi

Sfiziosi e semplici da fare: rallegrano le lunghe e noiose giornate invernali.

Ingredienti:

240 g. di riso Venere
2 gambe di radicchio lungo di Treviso
Una manciata di funghi porcini secchi
1 cipollotto
Semi di sesamo
Erba cipollina
1 cucchiaio di salsa tamari
Due cucchiai di pan grattato
Sale e pepe
Olio e.v.o.

Procedimento:

Far rinvenire i funghi in acqua tiepida. Lavare il riso e metterlo a cuocere in acqua salata. Nel frattempo, in una padella antiaderente, far imbiondire il cipollotto in un filo d’olio e.v.o ed aggiungere e far saltare il radicchio a pezzetti ed i funghi rinvenuti assieme al cucchiaio di salsa tamari.

Cotto il riso condirlo con un filo d’olio ed asciugarlo, mescolandolo, con i due cucchiai di pan grattato. Con un coppa pasta sformare il riso nei singoli piatti e ricoprire ogni tortino con il preparato di verdure ed aggiungere erba cipollina spezzettata e semi di sesamo. Servire ben caldo.

E questi sono solo due semplici esempi ma potrete usare il riso nero per zuppe, dolci, risotti e potete sperimentarlo come più vi ispira. D’altronde, si sa, il nero sta con tutto!