Semi di Sesamo, Fonte Vegetale di Calcio: Proprietà e Usi

Non tutti conoscono le innumerevoli proprietà dei semi di sesamo, seppure questi siano molto usati soprattutto nei prodotti da forno come panini, dolci, grissini e cracker. Molto diffusi nei paesi asiatici, i semi di sesamo sono conosciuti e apprezzanti principalmente per essere un’ottima fonte vegetale di calcio, nonché di minerali preziosi come ferro e zinco.

Questi piccoli semini, si presentano in due varianti diverse: i semi di sesamo bianchi (più diffusi in occidente e più facilmente reperibili) e i semi di sesamo nero. In sostanza le due varietà si differenziano non solo per il colore ma anche per il contenuto di minerali e vitamine, che abbondano di più nel sesamo nero. Ma perché questi piccoli semini fanno così bene? Scopriamo le loro proprietà e come introdurli nella nostra alimentazione affinché possiamo godere di tutti i loro fantastici benefici non solo per l’organismo ma anche sulla pelle!

Proprietà dei Semi di Sesamo: Perché Fanno Bene?

semi-di-sesamo-proprieta

Come accennato, i semi di sesamo sono ricchi di moltissimi minerali fra cui calcio. Solo 100 gr di semi contengono circa 975 mg di calcio ed è per questo che indicati a chi ha problemi di osteoporosi o carenze di questo minerale. Grazie all’elevata presenza di calcio, questi minuscoli semi possono essere anche un valido sostituto dei latticini nella dieta vegana, ovviamente abbinati ad altri alimenti vegetali ricchi di calcio.

Leggi anche: 12 Alimenti Ricchi di Calcio: le Migliori Fonti Vegetali

Tra gli altri minerali preziosi, presenti nei semi di sesamo neri e bianchi troviamo buone percentuali di  ferro, fosforo, zinco, selenio, manganese e  rame oltre che a vitamine del gruppo B e fibra. Ed è proprio la presenza di fibre idrosolubili, insieme  al contenuto elevato di acidi grassi polinsaturi, a rendere i semi di sesamo molto utili per  abbassare il colesterolo e prevenire gli sbalzi di pressione. Essi sono inoltre ottimi alleati del nostro fegato perché permettono di  liberarsi dei grassi e delle scorie.

I semi di sesamo contengono inoltre acido fitico e lignani utili per prevenire alcune forme di cancro come quello al colon, ipertensione e diabete. Ottimi anche per le donne in gravidanza in quanto 100 grammi contengono circa il 25 per cento della dose di acido folico raccomandata.

Un cucchiaio di semi di sesamo apporta al nostro organismo 51 calorie, 2 grammi di proteine, 4,5 grammi di grassi e 2 grammi di carboidrati. I semi di sesamo nero sono particolarmente indicati per il contenuto maggiore di ferro, soprattutto a chi soffre di anemia e deve integrare questo minerale nell’alimentazione

Leggi anche: Alimenti Ricchi di Ferro: 15 Fonti Vegetali di Ferro

Il sesamo nero inoltre, essendo più ricco di antiossidanti, svolge anche un’accentuata funzione anti-invecchiamento soprattutto su pelle e capelli.

Come Usare i Semi di Sesamo in Cucina

Beneficiare delle proprietà dei semi di sesamo è semplicissimo. Questi semi infatti possono essere usati in cucina in tanti modi diversi, per arricchire molti piatti come verdure, salse e cereali. Si possono usare sia interi che macinati, spolverati su zuppe, sulla pasta e sulle insalate ma anche aggiunti al muesli per la colazione, alle barrette fatte in casa e allo yogurt. Vista la loro consistenza sono anche ottimi da usare come panatura per burger e polpette oppure usati per ricoprire panini, grissini e cracker fatti in casa.

Con i semi di sesamo si possono preparare anche delle salse fra cui la più nota è il tahin, una crema di origine mediorientale che si impiega principalmente per la realizzazione dell’hummus di ceci ma che si può mangiare anche sul pane o usare per accompagnare un mix di verdure crude.

Un altro condimento molto apprezzato a base di semi di sesamo è il gomasio che può tranquillamente sostituire il sale da cucina in tutte le preparazioni. Il gomasio si prepara tostando leggermente 95 gr di semi di sesamo in padella e mescolandoli, dopo averli frantumati in un mortaio, con 5 gr di sale marino. Per aromatizzarlo ulteriormente si possono aggiungere anche altre spezie, aromi o alghe.

Leggi anche: Come Fare il Gomasio Aromatizzato alle Alghe o alle Erbe Aromatiche

Dai semi di sesamo spremuti a freddo si ricava anche un olio alimentare molto ricco di acidi grassi essenziali, calcio, ferro e vitamine, particolarmente utile per abbassare il colesterolo e dare un surplus di energia al nostro sistema immunitario data la presenza di antiossidanti. L’olio di semi di sesamo si usa a crudo per condire insalate e piatti freddi e uno dei suoi impieghi migliori e l’oil pulling. Questo olio, oltre ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue e regolare la pressione, si è dimostrato molto efficace anche in campo cosmetico. Molto utile per rinforzare i capelli, eliminare la forfora e prevenire le rughe.

Leggi anche: Olio di Sesamo: Perchè fa Bene alla Salute e alla Pelle

Ricetta Tahin: la Salsa con Semi di Sesamo

La salsa tahin (o tahina)si prepara in pochissimi minuti con solo 2 ingredienti: semi di sesamo e un olio vegetale a scelta. Per la ricetta della tahin è preferibile usare un olio leggero come l’olio di semi di arachide, di mais, di semi di sesamo o di girasole in quanto l’olio di oliva potrebbe rendere la preparazione troppo pesante.

Ingredienti:

200 gr di semi di sesamo
100 gr di olio di semi
1 pizzico di sale (facoltativo)

Per prima cosa bisogna tostare i semi di sesamo in una padella antiaderente. La tostatura richiede davvero pochi minuti perché i semi possono facilmente bruciarsi e diventare neri. Quando sono dorati basta trasferirli in un mixer e frullarli finemente finché non diventano una sorta di polvere. Aggiungere l’olio di semi a filo e continuare a frullare per far amalgamare la salsa. Unire anche un pizzico di sale e frullare per un’ultima volta. A questo punto non resta altro che mettere la salsa tahin in un barattolo di vetro e farla raffreddare. Si conserva in frigo anche per 20-30 giorni.

Dose Giornaliera e Controindicazioni dei Semi di Sesamo

Due cucchiaini al giorno di semi di sesamo possono garantire un adeguato apporto di calcio in soggetti che hanno bisogno di integrare questo minerale nella dieta. Sia i semi che l’olio possono essere usati dalle donne in gravidanza o che allattano per aumentare i quantitativi di calcio e ferro. I semi di sesamo e l’olio di sesamo non presentano particolari controindicazioni. Per quanto riguarda l’olio, dato l’elevato apporto calorico, si consiglia un uso moderato alle persone in sovrappeso.

Leggi anche: 10 Semi della Salute che Non Devono Mai Mancare a Tavola