Tisana al Carciofo per Disintossicare il Fegato e Sgonfiare la Pancia

La tisana al carciofo rappresenta una bevanda estremamente utile per la salute del nostro intero organismo. Dal momento che siamo abituati a mangiarlo in moltissimi piatti, per alcuni potrebbe sembrare strano che un alimento come il carciofo venga adoperato nella preparazione di un infuso.

Invece, la tisana di carciofo può essere considerata una fonte essenziale di vitamine e sali minerali, tra i quali ricordiamo: la vitamina A1, B1 e C, nonché minerali come il magnesio, il potassio, il fosforo, il ferro e molti altri.

Leggi anche: Proprietà dei Carciofi: 12 Ottimi Motivi per Mangiarli

Il carciofo contiene un principio attivo, la cinarina, alla quale si devono molte delle proprietà depurative della pianta. L’infuso di foglie di carciofo infatti aiuta il nostro corpo a disintossicarsi dalle scorie e in particolare consente al fegato di funzionare al meglio.

Una curiosità di cui forse molti non sono a conoscenza, è che l’infuso di carciofo permette anche di perdere peso o di mantenerlo costante nel caso in cui si stia seguendo una dieta.

La pianta del carciofo è tipica delle zone del Mediterraneo ed è pertanto facile da reperire in qualsiasi supermercato o in erboristeria. Le parti dell’alimento che vengono adoperate per la tisana sono le foglie e il gambo del carciofo, che, come vedremo più avanti, vanno lasciati in infusione e poi opportunamente filtrati. Scopriamo ora quali sono i benefici dell’infuso di foglie di carciofo sul nostro organismo.

I Benefici della Tisana al Carciofo

tisana-al-carciofo-proprietà

Come detto in precedenza, la tisana al carciofo è un valido alleato del nostro fegato; non solo, grazie alle sue proprietà rappresenta un potente antiossidante, notoriamente utilizzato nel contrastare i radicali liberi e nella prevenzione dell’invecchiamento cellulare. Vediamo maggiormente nel dettaglio i numerosi benefici che l’infuso di carciofo ha per il funzionamento del nostro corpo:

1. Depura il fegato

Svolgendo una funzione prettamente depurativa, il carciofo permette di salvaguardare la salute del nostro fegato, stimolando la produzione di bile (fondamentale per l’assorbimento dei grassi a livello intestinale) e favorendo in generale il funzionamento del sistema epatobiliare.

La tisana di carciofo può proteggere inoltre il fegato dalle patologie ad esso collegate e risanarne le condizioni di chi ha sofferto di alcolismo. È noto infatti che chi beve in eccessive quantità rischia di danneggiare le cellule epatiche, che avranno pertanto maggiore difficoltà a rigenerarsi e a mantenerci sani.

2. E’ un ottimo diuretico

L’infuso di foglie di carciofo stimola la funzionalità del nostro apparato urinario, nonché dei reni, permettendo in questo modo l’eliminazione delle tossine e delle sostanze di scarto che si sono accumulate nel nostro corpo.

Contiene inoltre inulina, una fibra solubile che ha un’azione di controllo del livello di zuccheri nel sangue, prevenendo in questo modo l’insorgere del diabete. La tisana di carciofo non va comunque considerata una cura sostitutiva in caso di diabete, ma adoperata quale terapia naturale da usare congiuntamente a quella farmacologica.

3. Diminuisce i livelli di colesterolo nel sangue

Le proprietà della tisana al carciofo si rivelano ottime nel controllare i livelli di colesterolo nel sangue, per questo motivo il carciofo è anche definito un alimento ipocolesterolemizzante.

L’infuso di foglie di carciofo, agendo pertanto sul colesterolo “cattivo”, favorisce il funzionamento del sistema cardiocircolatorio, prevenendo l’insorgere di malattie legate al cuore e stimolando la circolazione sanguigna.

4. Aiuta a perdere peso

Grazie alla sua azione diuretica abbiamo visto che il carciofo agisce stimolando la diuresi, il che si traduce in una minore ritenzione idrica e in una conseguente diminuzione del peso corporeo. Attraverso invece il controllo dei livelli di colesterolo consente di ridurre i grassi all’interno del nostro organismo, ostacolandone l’eccessivo accumulo nelle zone adipose del corpo.

5. Favorisce la digestione

Chi ha detto che per migliorare la digestione bisogna consumare medicinali da banco? Una tisana di carciofo calda può aiutarci a combattere i fastidi che possono insorgere subito dopo i pasti: bruciore alla bocca dello stomaco, nausea, pancia gonfia sono facilmente attenuati con una tisana al carciofo.

A tale scopo si consiglia di bere una tazza di infuso dopo i pasti principali, per rilassare le pareti dello stomaco e liberarci da quella sensazione di malessere che spesso ci fa sentire a disagio con gli altri.

Leggi anche: Gonfiore Addominale Dopo i Pasti: 7 Tisane Sgonfianti

6. Mantiene la pelle luminosa

Le proprietà antiossidanti e depurative del carciofo fanno sì che con l’eliminazione delle tossine a beneficiarne non sia soltanto il corpo, ma anche la nostra pelle, che appare più sana e luminosa, in grado quindi di contrastare l’invecchiamento delle cellule.

Come Preparare la Tisana al Carciofo

L’infuso di foglie di carciofo è molto semplice da preparare. Non abbiamo bisogno di altro se non delle foglie ed, eventualmente, del gambo della pianta e un po’ d’acqua calda.

Qualora volessimo potenziarne l’azione dimagrante e aumentare l’efficacia dell’infuso nel ridurre la pancia gonfia, potremmo associare al carciofo un altro alimento estremamente utile a questo scopo: i semi di finocchio.

Leggi anche: 8 Spezie Efficaci Contro il Gonfiore di Stomaco

Riportiamo di seguito tre modi principali per preparare la tisana al carciofo comodamente a casa:

1. Utilizzate tutte le foglie del carciofo, comprese quelle più esterne che hanno le spine. Preparatene una quindicina e mettetele da parte. Intanto riscaldate due tazze d’acqua in un pentolino; non appena arrivata a bollore, aggiungere all’acqua le foglie e fate bollire per altri 5 minuti. A questo punto filtrate il tutto e bevete.

2. Cercate di ridurre in pezzi le diverse parti del carciofo, gambo compreso, e ponetele in un pentolino con due tazze d’acqua. Cuocete il tutto per circa 20 minuti. Procedete al filtraggio e gustatevi la vostra tisana.

3. Infine, se volete conservare la tisana di carciofo e adoperarla per più giorni, procedete come di seguito. Lavate separatamente tutte le parti della pianta. Pesatene circa 100 grammi e metteteli a bollire in un litro d’acqua. Non appena l’acqua raggiunge il bollore, spegnete il fuoco e lasciate macerare il tutto per 10 minuti. Filtrate la tisana al carciofo in un contenitore a parte e bevetela 2 o 3 volte al giorno.

Per coloro i quali non amassero molto il sapore amaro del carciofo, consigliamo di aggiungere all’infuso della menta, della melissa o dolcificanti naturali come la stevia.

Tisana al Carciofo: Controindicazioni

La tisana al carciofo potrebbe causare degli effetti indesiderati soprattutto a persone che hanno una intolleranza o un’allergia ad altre piante, quali camomilla o echinacea. Per evitare di incorrere in una reazione allergica si consiglia di consultare un medico o, nello specifico, un allergologo.

È inoltre sconsigliato l’uso per coloro che soffrono di calcoli biliari e presentano seri problemi a livello renale. L’infuso di carciofo potrebbe infatti portare al peggioramento di tali condizioni patologiche.

Infine, precisiamo che la tisana con il carciofo andrebbe evitata anche per le donne in fase di allattamento, in quanto alcuni studi hanno registrato una riduzione della secrezione di latte durante l’assunzione dell’infuso.