Tisana all’Ortica Contro Anemia, Allergie e Calcoli Renali

La tisana all’ortica è una bevanda che si ottiene dalla macerazione in acqua bollente delle foglie di ortica, pianta urticante che cresce in modo spontaneo nelle  regioni temperate di tutto il mondo. Da sempre, l’ortica è considerata un’erba nutriente tanto che le sue foglie, dalla caratteristica sagoma seghettata, sono usate sia come cibo (per preparare tante gustose ricette) che come medicina.

Dal punto di vista nutritivo, l’ortica è molto ricca sia di vitamine (fra cui vitamina A, C, K , B e acido folico) che di antiossidanti quali clorofilla, betacarotene, luteina, quercetina e rutina. Inoltre, le foglie di ortica essiccate, da cui si ottiene l’infuso di ortica, sono quelle che contengono le maggiori quantità di minerali (in particolare ferro, calcio, fosforo, magnesio, zinco e potassio) rispetto a tutte le altre erbe comunemente utilizzate per la preparazione di infusi e decotti.

Un recente studio ha rilevato che 500 ml di tisana all’ortica contengono oltre 76 mg di magnesio, che rappresenta  il 20-25% del fabbisogno giornaliero. Riducendo il volume dell’acqua impiegata e aumentando il tempo di infusione, si riesce a trarre il massimo beneficio dal decotto di ortica:  il quantitativo ottimale di foglie per un litro di acqua è pari a circa 30 gr di erba secca; se usate invece le foglie fresche, vi occorreranno almeno 120 gr di ortica.

Per avere l’ortica sempre a disposizione, potete raccoglierla in primavera, quando fiorisce in modo spontaneo in prati e giardini, essiccandone le foglie al sole e riponendole in barattoli di vetro al riparo dalla luce e dall’umidità. La tisana all’ortica può essere consumata calda o fredda e si conserva per alcune ore in frigo, mantenendo intatte le sue proprietà nutritive. Vediamo di seguito i principali benefici dell’infuso di ortica.

Leggi anche: 12 Erbe Spontanee Commestibili che Fanno Bene alla Salute

7 Proprietà  della Tisana all’Ortica

tisana-all-ortica

I benefici dell’infuso di ortica sono noti fin dal Medioevo soprattutto per le sue facoltà diuretiche, tonificanti e stimolanti, tuttavia le proprietà associate a questa pianta sono talmente tante che davvero risulta  un valido alleato per numerosi disturbi e malattie. Scopriamo quali nelle righe che seguono.

1. Rallenta l’invecchiamento

Essendo ricca di antiossidanti appartenenti alla famiglia dei flavonoidi, la tisana di ortiche aiuta a proteggere le nostre cellule dai danni causati dai radicali liberi, riducendo lo stresso ossidativo che è causa di molte malattie tipiche dell’età avanzata come quelle cardiovascolari e la demenza. Inoltre, avendo proprietà diuretiche, la tisana all’ortica, bevuta con regolarità, favorisce il controllo dei livelli di zuccheri nel sangue e della pressione. La radice di ortica è risultata perfino in grado di decelerare la moltiplicazione delle cellule della prostata nel trattamento dell’iperplasia prostatica benigna e nel carcinoma alla prostata.

2. Previene i calcoli renali

L’infuso di ortica è un diuretico naturale che permette il corretto flusso dei liquidi nei reni e vescica, impedendo così la formazione di calcoli renali; esso inoltre, in virtù delle sue proprietà antinfiammatorie ed antiossidanti, è in grado di eliminare le tossine dal tratto urinario ed aumentare l’efficacia dei farmaci utilizzati per il trattamento delle infezioni del tratto urinario.

3. E’ un antidolorifico naturale

La tisana all’ortica funge da antidolorifico naturale in quanto le sostanze in essa presenti sono in grado di alleviare efficacemente dolori muscolari e articolari. Coloro che devono ricorrere ad analgesici ed antinfiammatori  non steroidei (FANS), possono  bere il decotto di ortica per ridurre la quantità di medicinali da utilizzare al fine di alleviare dolore e infiammazione (in tal caso, però, è sempre preferibile consultare un medico per non incorrere in pericolose interazioni).

Leggi anche: I Migliori Antidolorifici Naturali per Combattere il Dolore

4. Svolge un’azione antinfiammatoria

Le proprietà antinfiammatorie di alcune sostanze presenti nell’infuso di ortica rendono questa bevanda molto utile per contrastare alcune infiammazioni a carico del nostro apparato muscolare ed osseo. L’ortica è, infatti, usata da molto tempo per trattare disturbi come l’artrite: in questo caso provate ad utilizzare la tisana all’ortica per effettuare degli impacchi sull’area colpita dal dolore. In particolare, l’ortica sembra in grado di diminuire i livelli plasmatici dei composti che favoriscono l’infiammazione come l’interleuchina -6 e la proteina C-reattiva.

5. Previene e cura le allergie

Bere infuso di ortica consente al nostro organismo di prevenire e curare le allergie stagionali, alleviandone alcuni sintomi come prurito, lacrimazione e rinite. Questa proprietà sembra associata alla capacità dell’ortica di ridurre la quantità di istamina che il nostro corpo produce in risposta agli allergeni; alcuni medici prescrivono, infatti, ortica liofilizzata per prevenire l’insorgenza della febbre da fieno.

Leggi anche: Antistaminici Naturali: i Migliori Rimedi per Curare le Allergie

6. Combatte l’anemia

La tisana all’ortica è molto ricca di minerali fra cui il ferro, perciò risulta utile nel combattere l’anemia in soggetti predisposti (ad esempio le donne in stato interessante o durante il ciclo mestruale). I medici consigliano pertanto alle gestanti di bere tè all’ortica sia per prevenire carenze di questo minerale, che per contrastare eventuali emorragie. Questa erba infatti è nota per ridurre il sanguinamento uterino, oltre che altre forme di sanguinamento come ad esempio quello del naso.

Anche le donne che allattano dovrebbero assumere regolarmente decotto di ortica in quanto, oltre ad agire come tonico ricostituente, esso stimola anche la produzione di latte.

Leggi anche: Succo di Barbabietola Rossa per Anemia, Stanchezza e Ipertensione

7. Mantiene in salute il cavo orale

Grazie alla sua azione antimicrobica e antibatterica, la tisana all’ortica, naturalmente priva di zuccheri, si rivela efficace anche per effettuare gargarismi utili a detergere e disinfettare l’interno della nostra bocca. Usato regolarmente come colluttorio, il decotto di ortica mette quindi al riparo denti e gengive da placca, gengiviti e carie. Le proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche rendono, infine, utile il tè all’ortica anche nel caso di ascessi  e piaghe che possono manifestarsi nel cavo orale.

Leggi anche: Come Fare in Casa il Collutorio Naturale: 5 Ricette Semplici

Come Preparare la Tisana all’Ortica

Preparare la tisana all’ortica è davvero molto semplice: vi serviranno, prima di tutto,  50 gr di ortica essiccata per litro d’acqua o, in alternativa, le foglie fresche, anche se in tal caso occorrerà aumentare la dose. Mettete dunque a bollire l’acqua in un pentolino; una volta raggiunta la temperatura, aggiungete l’ortica e spegnete, lasciando in infusione per circa 15 minuti.

Prima di servire, filtrate il liquido con un colino e, se non gradite il sapore della tisana all’ortica al naturale, addolcite con un cucchiaino di miele. E’ consigliabile bere l’infuso di ortica così ottenuto almeno due volte al giorno per potenziarne tutti i benefici.

Decotto di Ortica

Il decotto di ortica si prepara con le foglie fresche ben lavate; per la preparazione, prendete 30 gr di foglie fresche e mettetele a bollire in circa mezzo litro di acqua fredda. Fate molta attenzione a non toccare né le foglie, né i gambi perché sono molto urticanti e potrebbero provocare prurito e gonfiore.

Trascorsi 10 minuti dall’ebollizione, togliete dal fuoco il pentolino in cui avete messo l’ortica e filtrate il liquido con un colino. Consumate il decotto di ortica fino a che è caldo, al naturale o con l’aggiunta di miele o limone.

Controindicazioni della Tisana all’Ortica

Bere la tisana all’ortica non ha particolari controindicazioni, a patto di non eccedere la dose consigliata di 4 tazze al giorno. Gli effetti collaterali più frequenti sono mal di stomaco, irritazione della pelle, eruzioni cutanee e sudorazione, nonché interazioni con alcuni medicinali come quelli usati per fluidificare il sangue, abbassare la pressione arteriosa o favorire la diuresi.

L’uso dell’infuso di ortica è sconsigliato, inoltre, a coloro che assumono farmaci per la cura del diabete, della depressione e dell’insonnia per via delle possibili interferenze. Avendo proprietà antinfiammatorie, la sua azione potrebbe sommarsi a quella di alcuni farmaci antinfiammatori non steroidei, per cui, se state assumendo questo tipo di medicinali, è consigliabile sentire il parete di un medico. Anche le donne in gravidanza, nonostante la sua azione tonificante, dovrebbero fare un consumo moderato di tisana all’ortica in quanto alcune sostanze in essa contenute potrebbero irritare le pareti dell’utero.

In generale, se avete intenzione di assumere regolarmente infusi o decotti a base di ortica, è preferibile consultare un medico, soprattutto se state prendendo farmaci o soffrite di qualche patologia. Tenete presente, infine, che gli effetti collaterali tendono ad essere più frequenti quando la tisana all’ortica è preparata con la radice della pianta, anziché con le sole foglie e infiorescenze.