7 Tisane Lassative Contro la Stitichezza

Le tisane lassative sono delle bevande naturali utili a ritrovare un giusto equilibrio fisico attraverso l’eliminazione delle scorie. La stitichezza, disturbo ormai molto diffuso, è causato di stili di vita e alimentazione sbagliati o addirittura stress. Le tisane contro la stitichezza sono caratterizzate da erbe, veri e propri lassativi naturali, in grado di stimolare i movimenti intestinali e agevolare l’evacuazione. Oggi giorno troviamo tisane lassative o preparati naturali in farmacia, erboristeria e anche al supermercato. Occorre però dire che assumere le tisane lassative contro la stitichezza può non essere sufficiente, pertanto è opportuno associare a queste anche una dieta ricca di acqua e soprattutto di fibre.

Sebbene naturali, inoltre, alcune erbe lassative (come il rabarbaro, la senna e la frangola) possono senz’altro favorire il miglioramento della stipsi, tuttavia, a lungo andare, potrebbero irritare le pareti dell’intestino ed anche peggiorare la stitichezza. Tali erbe contengono infatti sostanze chiamate antrachinoni che danno assuefazione, quindi è bene consumarle in modo sporadico.

7 Tisane Lassative Contro la Stitichezza

tisane-lassative-stitichezza

Una dieta ricca di fibre e il consumo di tisane lassative può rivelarsi una combinazione vincente se desideriamo liberarci del fastidioso problema della stitichezza. Scopriamo meglio quali erbe lassative sono più adatte a far fronte a tale condizione.

1. Tisana alla Senna

La tisana alla senna è una delle tisane lassative ad essere maggiormente utilizzata per la sua efficacia. I suoi elementi principali, gli antrachinoni, sono in grado di attirare i liquidi e stimolare la peristalsi. Vediamo il procedimento della tisana: bastano 1-2 gr di foglie di senna o frutti (questi ultimi con un minore potere irritante) da versare in acqua preferibilmente tiepida o anche fredda per una decina di minuti; infine, si passa al filtraggio. È possibile inoltre lasciare nell’acqua fredda i frutti per 8 ore e poi bere. Diversamente da altre tisane lassative contro la stitichezza, la senna va assunta a giorni alterni e per non più di 7-10 giorni ed è bene bere una tazza di tisana ogni 2-3 giorni consecutivi per evitare dolori o crampi.

2. Tisana al Rabarbaro

Al pari della senna, anche il rabarbaro è noto fra i lassativi naturali. Contiene anch’esso gli antrachinoni ma a differenza della tisana precedente presenta anche tannini che bilanciano l’azione lassativa. Il meccanismo di azione è comunque il medesimo della senna. Per una tisana al rabarbaro ci occorrono: 5-10 gr di radice (o polvere di radice) e dell’acqua calda. Procedimento: quando l’acqua è bollente, spegniamo il fuoco e versiamo il rabarbaro. Lasciamo in infusione per 6 minuti. La tisana va consumata preferibilmente al mattino e per brevi periodi (1-2 settimane nelle quantità di una tazza al giorno).

3. Tisana ai Semi di Lino

I semi di lino sono un altro ingrediente con cui preparare delle tisane lassative. Nonostante siano consumati spesso insieme ad altre pietanze, è possibile creare una tisana. La caratteristica principale di questi semi è l’elevata percentuale di fibre contenuta in essi e la loro capacità di assorbire i liquidi. Come si prepara la tisana ai semi di lino? Versiamo 200 ml di acqua bollente in una tazza grande in cui abbiamo messo 1 cucchiaio di semi. Lasciamo raffreddare e filtriamo; beviamo quindi la tisana. È consigliabile bere l’infuso alla sera. I semi di lino possono provocare un leggero gonfiore alla pancia nei primi tempi ma possono comunque essere consumati giornalmente (1 cucchiaio di semi al giorno).

Leggi anche: Semi di Lino per la Stitichezza: 4 Rimedi Veloci ed Efficaci

4. Tisana al Psillio

I semi di psillio pianta sono davvero efficaci per combattere gli episodi di stitichezza. Anche per lo psillio, la sua principale funzione lassativa è rappresentata dalla capacità di inglobare elevate quantità d’acqua che consentono alle scorie di aumentare di volume e quindi sollecitare il movimento intestinale. Come berlo? In un bicchiere d’acqua bollente aggiungiamo 1 cucchiaino di semi di psillio; dopo 10 minuti beviamo il tutto senza filtrare, i semi infatti formano un composto denso che va ingerito. Quando? Ogni giorno (1-2 volte) dopo i pasti oppure al mattino prima di colazione e fino a un mese continuativo.

5. Tisana al Tarassaco

Tra le erbe lassative figura anche il tarassaco: quest’ultimo ha un eccezionale effetto disintossicante dal momento che depura fegato, aiuta la diuresi e la motilità intestinale. Contiene un tipo di fibra solubile, l’inulina, che presenta inoltre un effetto prebiotico alimentando la flora batterica intestinale. Per un infuso al tarassaco possiamo usare i fiori, le foglie e le radici. Nel primo caso puliamo un mazzetto di fiori e lasciamolo 10 minuti in infusione in acqua calda; nel secondo caso, uniamo 5 gr di radice a 15 di foglie e lasciamo macerare per 5-10 minuti. La tisana al tarassaco può essere consumata 1-2 volte al giorno per lunghi periodi.

Leggi anche: Tisana al Tarassaco per Infezioni Urinarie, Fegato e Gonfiore

6. Tisana alla Frangola

La frangola rientra nel gruppo delle erbe lassative caratterizzate dagli antrachinoni di cui abbiamo già parlato. Si contraddistingue per la sua azione fortificante delle pareti dei muscoli intestinali. La parte adoperata per gli infusi è la corteccia. Prepariamo dunque una tisana alla frangola con: 1 cucchiaio di corteccia essiccata e dell’acqua. Mettiamo subito l’acqua a scaldare. Al momento dell’ebollizione, aggiungiamo la frangola e attendiamo 10 minuti; successivamente filtriamo e beviamo. È bene consumare la frangola saltuariamente e per brevi periodi (1 tazza al dì).

7. Tisana alla Malva

La malva è un’erba dalle mille potenzialità: antinfiammatoria, carminativa, antidiarroica ed anche lassativa. Le fibre contenute nelle foglie esercitano un’azione emolliente, sfiammante, favorendo al contempo l’evacuazione giornaliera. Poiché è un blando lassativo può essere assunto anche dai bambini. Per un infuso di malva abbiamo bisogno di: 3 cucchiai di foglie secche e una tazza d’acqua. Come per molte delle tisane contro la stitichezza aggiungiamo le erbe all’acqua e attendiamo, in questo caso per 10 minuti. L’infuso può essere consumato ogni giorno fino a 2-3 tazze.

Leggi anche: Tisana alla Malva Contro Gastrite, Raffreddore e Cistite

Ricetta: Tisana Lassativa Contro la Stitichezza

Le diverse erbe lassative che abbiamo descritto possono essere adoperate contemporaneamente per le nostre tisane lassative, ecco quindi un’altra ricetta da provare. Innanzitutto, uniamo 40 gr di semi di lino, 40 gr di frangola e 20 gr di anice stellato. Portiamo ad ebollizione una tazza di acqua e togliamo dal fuoco. Aggiungiamo un cucchiaio del nostro mix e lasciamo a macerare per 10 minuti. Beviamo questa tisana lassativa la mattina o prima di coricarci.

Leggi anche: Lassativi Naturali: 12 Rimedi Efficaci Contro la Stitichezza